Connettiti con noi

Hanno Detto

Pjanic: «Col Chelsea ho rivisto la mia Juve. Sognavo di tornare…»

Pubblicato

su

L’ex Juve Pjanic ha parlato a La7 prima di Roma Juventus Women. Le dichiarazioni del centrocampista del Besiktas

Miralem Pjanic ha parlato ai microfoni di La7 prima di Roma Juventus Women.

Le dichiarazioni del centrocampista del Besiktas.

BESIKTAS – «Mi trovo molto bene, sono sorpreso dal calcio turco e dall’organizzazione che abbiamo al Besiktas. È stato un mercato complicato e inaspettato, il mio sogno era tornare in Italia che mi manca tanto. Ma ora sono davvero molto felice di come stanno andando le cose».

JUVENTUS – «La Juve sta facendo il suo percorso. Hanno avuto due allenatori con allenatori un po’ diversi dalla Juve degli ultimi anni. Conosco bene Allegri, è molto preparato e rimetterà tutto a posto. Col Chelsea ho riconosciuto la vera Juve. Questa è la strada giusta e credo che torneranno a fare bene. Anche se oggi hanno una partita difficile».

ROMA – «Hanno preso un allenatore con grande esperienza e stanno facendo il loro percorso. Quest’anno non vedo un favorito, ci sono squadre che lotteranno fino alla fine per lo scudetto».

CALCIO FEMMINILE e ROMA-JUVENTUS WOMEN – «Oggi è una bellissima partita tra due squadre in cui ho tanto cuore e amicizie. In Italia sono stati 9 anni bellissimi. Sono molto contento di come sta andando il calcio femminile italiano. Alla Juve c’è una squadra fortissima che ha vinto tanto e che ha fatto enormi progressi. Al Barcellona ci sono ragazze che hanno vinto tutto, anche la Champions stra-meritando. Mi fa piacere che il calcio femminile stia evolvendo così. Oggi non c’è una vera favorita, gli ultimi risultati sono stati stretti, anche se la Juve ha vinto di più».

BARCELLONA FEMMINILE – «Sono rimasto impressionato dalla qualità del loro gioco, hanno lo stesso DNA del club. È tutto tiki-taka e giocano a livelli altissimi questo tipo di calcio. Impressionante, ma anche al Lione ricordo che Aulas teneva moltissimo alla squadra femminile. Lui è stato importante per questo».