PUNTO A CAPO – Le critiche a Sarri e le risposte del campo

© foto www.imagephotoagency.it

La terza sconfitta stagionale è quella che fa più rumore. I tifosi criticano le scelte di Sarri e le sue dichiarazioni nel post partita

Ci sono rapporti che faticano a decollare. Allegri è stato accolto a insulti al suo arrivo a Vinovo, e i cinque Scudetti consecutivi non hanno nemmeno convinto tutti. Discorso simile per Maurizio Sarri, accettato con diffidenza dalla pancia del tifo juventina, quella che il giorno dopo la sconfitta di Napoli critica aspramente le sue dichiarazioni nel post: «Se proprio dovevamo perdere meglio contro i miei ex giocatori». Sarri non ha mai rinnegato il suo passato e nemmeno nascosto le sue simpatie, anzi le ha ostentate senza ipocrisie durante la presentazione allo Stadium. A caldo, dopo una brutta serata e forse la peggior Juve della stagione, la sua uscita non è andata giù a gran parte della tifoseria.

Parole non in linea con lo stile Juve e la “comunicazione ufficiale” della società, è mancato quel filtro di diplomazia spesso necessario al giorno d’oggi, specie in alcune occasioni. E’ innegabile che un professionista possa rimanere legato al suo passato e ad un ambiente che lo ha lanciato, ma sottolinearlo dopo una sconfitta del genere rischia solo di allargare la frattura con i tifosi. L’unica medicina sono le vittorie, da qui a fine stagione per riconquistare la piazza Sarri non potrà più permettersi passi falsi, magari con un pizzico di di diplomazia in più, almeno a parole.