Connettiti con noi

Hanno Detto

Sacchi: «La Superlega non mi preoccupa. Spero che venga accantonata»

Pubblicato

su

Arrigo Sacchi parla del progetto della Superlega e di quello che sarà il futuro del calcio. Le parole dell’ex tecnico

Arrigo Sacchi ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, ecco le sue parole:

SUPERLEGA – «La Superlega non mi piace perché il calcio è così bello per la sua universalità. Dobbiamo avere la lucidità di analizzare in profondità la situazione per capire come siamo arrivati a questo. Il calcio è popolare perché tutti lo possono praticare, anche con spese minime rispetto ad altri sport. Il calcio fa parte della razza umana: possono giocare alti e bassi; ragazzi dal fisico imponente e mingherlini. Difficile trovare un altro sport così universale. Però il calcio ha tre grandi avversari: il divismo, il business e i bilanci in rosso. Sono tre elementi che trasformano tutto. Le istituzioni sono state poco severe verso i bilanci in rosso. Chi governa il calcio deve accorgersi che, pur di aumentare i profitti a discapito dello spettacolo, è cresciuto esponenzialmente il numero delle partite ed è diminuito drasticamente il tempo dedicato agli allenamenti».

FUTURO – «Non sono preoccupato, perché mi auguro che il progetto della Superlega venga accantonato. E perché spero che si apra una discussione generale sulla situazione del calcio. Bisogna sfruttare l’occasione per ripartire da altre basi. Tutti hanno chiuso gli occhi davanti alle distorsioni del sistema attualmente in vigore».