Sarri: «Partita complicata, l’aggressività del Torino poteva metterci in difficoltà»

sarri
© foto nella foto: Maurizio Sarri

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, ha parlato al termine del Derby della Mole tra i bianconeri ed il Torino

Maurizio Sarri, allenatore della Juve, ha parlato ai microfoni di DAZN al termine del match dell’Olimpico Grande Torino tra bianconeri e Torino. Il tecnico toscano ha commentato la prestazione dei suoi uomini.

ANALISI«Mi è piaciuta stasera, perché era una partita difficilissima, con il Toro in campo con alte motivazioni. La prima fase doveva essere di controllo della loro aggressività per prendere possesso della partita in una seconda fase e chiuderla nella terza fase. Era una situazione non adattissima alle nostre caratteristiche: siamo venuti a capo di una partita solida e la squadra ha fatto bene».

AGGRESSIVITA’«Era una partita in cui era difficile essere belli. Erano condizioni difficili per la loro aggressività, quindi io sono contento di quello che ho visto perché questa gara poteva metterci in difficoltà. La squadra ha reagito bene con armi che non sono sempre nostre».

BERNARDESCHI«Ha delle accelerazioni in più di Ramsey, che è più un palleggiatore. Federico viene da diverse partite giocate in 90′ quindi poteva essere meno brillante rispetto al centrocampista che non ha ancora 90′ nelle gambe. Lo stesso Higuain veniva da riposo mentre Dybala da una serie di partite ininterrotte».

CONTENTO DI DE LIGT «Non tantissimo ad inizio partita, poi è entrato bene e ha disputato un buon secondo tempo. Il rodaggio in Italia è obbligatorio: ha 19 anni, viene da un campionato diverso, meno tattico quindi questo ragazzo deve fare un periodo di apprendistato. Mi sembra che anche stasera, dopo alcune difficoltà iniziali, ha fatto bene».

INTER«Sette punti sulla terza mi sembra che loro devono ancora giocare… In questo momento la classifica non si deve guardare, senza fare calcoli e mettere dentro punti».

ALEX SANDRO«Nell’ultima partita aveva dato segnali di stanchezza, quindi mi sembrava doveroso dargli un turno di riposo. De Sciglio mi sembrava in crescita, è stato in difficoltà nell’entrare in partita, poi ha giocato anche di discreto livello».

Il tecnico bianconero ha parlato anche ai microfoni di Sky. Queste le sue parole.

LA PARTITA – «Era una partita difficile, il loro atteggiamento era prevedibile. Il rischio di essere trascinati c’era. La prima parte del primo tempo è stata difficile, nel secondo tempo abbiamo cercato di portare a casa punti. E’ stata una gara aggressiva, sono contento, ci è costato per la qualità di palleggio ma abbiamo avuto le nostre palle gol e non abbiamo concesso tanto»

CHAMPIONS – «Il Torino attaccava con palle lunghe, dritte. La Lokomotiv in casa farà una partita diversa, per loro è l’ultima spiaggia per la qualificazione: non sarà semplice. Valuteremo il livello di stanchezza dei nostri giocatori e schiererò la formazione migliore».

TURNOVER – «Penso sia molto importante, anche oggi avevamo giocatori che venivano da una serie di partite consecutive. E’ chiaro che nel momento in cui i nostri giocatori erano stanchi, i cambi hanno fatto la differenza. Se queste rotazioni non le ho fatte con altri organici vuol dire che non me lo consentivano di fare».

TREQUARTISTA«Bernardeschi mi è piaciuto in queste partite dove ha giocatori in questo ruolo, ha grandi qualità di corsa accelerazioni. Sono curioso di provarci Douglas Costa: se impara qualche passaggio può essere devastante»