Sconcerti: «Juve, tanta approssimazione. Chiesa confusionario di classe»

Iscriviti
sconcerti
© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni di Mario Sconcerti dopo il successo della Juventus in casa della Dinamo Kiev, in Champions League

Mario Sconcerti, nel corso del suo editoriale sul Corriere della Sera, ha analizzato la vittoria della Juventus in casa della Dinamo Kiev. Ecco le sue dichiarazioni.

IL COMMENTO – «Un risultato ottimo a Kiev in fondo a una partita senza molti colori. Con il ritorno dei titolari è tornata anche qualcosa della vecchia Juve, ma è rimasto quel po’ di approssimazione che si sente da inizio stagione. Nel complesso una Juve più squadra, con personalità, ma ancora dolorante, un po’ estranea. Un passo avanti, ma non so per cosa, se c’è una destinazione. In fondo ha deciso uno spunto di Chiesa sulla sinistra. Non ha le risorse tecniche di Douglas Costa né l’arte di Dybala, è un confusionario di classe che però regala due-tre cose decisive a partita. La Juve non ha subito niente, nemmeno una mischia parrocchiale. Quando la modestia degli avversari sembra tanta, vuol dire che c’è una bravura intrinseca degli altri».

LEGGI ANCHE: Morata bello di notte: numeri incredibili con la Juve in Champions

Condividi