Sibilia: «Chiudere il calcio dilettantistico sarebbe stato come fargli il funerale»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia, commenta le nuove norme contenute nel Dpcm

Cosimo Sibilia, presidente della LND, ha parlato a La Repubblica del nuovo Dpcm illustrato ieri sera dal premier Conte.

«Chiudere il calcio dilettantistico sarebbe stato come fargli il funerale, ma impedire le competizioni a bambini e ragazzi equivale a creare un forte squilibrio tra una socialità organizzata e quella disorganizzata. Le società in estate hanno fatto mutui per adeguare le strutture ai protocolli, per sanificare, per garantire il rispetto di protocolli e standard di sicurezza. Se avessimo chiuso, non avremmo riaperto più».

LEGGI ANCHE: Spadafora: «Faccio l’impossibile per lo Sport. Grazie a Conte»

Condividi