Szczesny: «La parata semplice dà più soddisfazione del miracolo»

szczesny
© foto www.imagephotoagency.it

Szczesny racconta il ruolo del portiere, le emozioni che prova dopo ogni parata e la difficoltà del dover parare i rigori

Cosa si prova dopo una parata? Come si lavora sui rigori? A queste domande ha risposto Szczesny in un’intervista rilasciata a Juventus TV.

PARATA «Mi dà molta più soddisfazione la parata semplice ma perfetta, tecnicamente ma con i tempi giusti, quella in cui blocchi la palla senza deviarla. Molte volte fai un miracolo perché sbagli nella preparazione della parata. Di solito hai sbagliato i tempi di arretramento, di piazzamento, o qualcosa tecnicamente. Quindi per recuperare devi fare una grande parata. Mi dà molta più soddisfazione la parata facile ma so che è stata facile perché ho fatto tutto perfetto. L’obiettivo è arrivare ad interventi semplici ma che sono semplici perché hai fatto tutto bene».

RIGORI«Facciamo tanto lavoro sui rigori degli avversari. Studiamo sempre 5-6 rigoristi. Devi studiare tanto l’avversario e poi nel momento giusto devi capire cosa farà senza emozioni. È la preparazione che si fa. Poi ovviamente va anche a sensazioni. Io preferisco parare i rigori di quelli che hanno un lato così hai buone chance di pararlo».