Vannicelli (CTS): «Possibile riduzione della quarantena a 4 giorni»

© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni del membro della sezione sport del CTS, Roberto Vannicelli, sulla ripresa del calcio italiano

Roberto Vannicelli, membro della sezione sport del Comitato tecnico scientifico, ha parlato a Radio Punto Nuovo nel corso di Punto Nuovo Sport Show. Ecco le sue dichiarazioni sulla quarantena e il calcio.

QUARANTENA – «L’unica soluzione è fare tamponi molto ravvicinati per tutti gli addetti, al massimo uno ogni 48 ore. Una volta svolti, ci sarà un abbattimento del rischio molto importante, dopodiché si potranno fare altri ragionamenti. È pensabile che un guarito, può rientrare in gruppo, anche se non passano 14 giorni. L’iter che possiamo immaginare, oltre ai campioni ravvicinati, è ipotizzare che il positivo venga immediatamente allontanato e se l’intera squadra ha tampone negativo, il gioco è fatto. Il tutto si potrebbe racchiudere in 96 ore di quarantena».

PUBBLICO NEGLI STADI – «Sono certo che la situazione migliorerà e mi aspetto un’apertura, ma per quanto riguarda il pubblico, non c’è possibilità prima della fine di questa stagione. O quanto meno, molto ristretto: su uno stadio di 30.000, magari potrà entrarne un terzo».

Condividi