Connettiti con noi

Hanno Detto

Zazzaroni: «I club (af)fondatori hanno pugnalato le istituzioni del calcio»

Pubblicato

su

Ivan Zazzaroni ha parlato della Superlega e dei 12 club fondatori. L’opinione del direttore del Corriere dello Sport

Nel suo editoriale sul Corriere dello Sport, Zazzaroni ha parlato di Superlega e dei 12 club fondatori.

«La mia prima reazione è stata esorta Uefa e federazioni a escludere immediatamente dai campionati e dalle coppe i dodici club (af)fondatori, i quali hanno preso la porta e se ne sono andati da casa sbattendola. Juve, Inter e Milan, per restare alle nostre, si sono fatti gioco della Lega e delle società che ne fanno parte: mi chiedo come le altre 17 di A possano accettare di competere a livello nazionale con avversarie i cui ricavi aumenteranno di 300-350 milioni l’anno.
La seconda reazione, meno di pancia, mi ha portato a individuare le enormi responsabilità di Fifa e Uefa, che non hanno fatto interventi economici sostanziali per aiutare i club in difficoltà. Ma i 12 club fondatori hanno fatto male i calcoli: un sistema chiuso non protegge un’economia finanziaria, né copre gli errori dei manager che hanno sbagliato investimenti e aperto voragini nei bilanci, male o mai controllati: ci ripensino e accettino un dialogo con le istituzioni del calcio, per aiutarle a cambiare e a migliorarsi, non per pugnalarle alle spalle».