Connettiti con noi

Hanno Detto

Zhang: «Orgoglioso dello Scudetto. Superlega? Collaboriamo con la Uefa»

Pubblicato

su

Steven Zhang, presidente dell’Inter, ha parlato dello Scudetto vinto dai nerazzurri, tornando anche sull’argomento Superlega. Le sue parole

Il presidente dell’Inter Steven Zhang ha parlato nel corso di una lunga intervista al programma tv cinese The Agenda. Le sua parole sulla vittoria dello Scudetto e sulla Superlega.

SCUDETTO – «Sono molto orgoglioso, è stato un momento speciale per tutti, per il popolo dell’Inter, per i tifosi, per il Milan. Negli ultimi nove anni abbiamo avuto un forte avversario e loro hanno vinto. L’ultima volta che abbiamo vinto il campionato, è stato 11 anni fa. Ciò dimostra che il nostro lavoro negli ultimi cinque anni è sulla strada giusta. Ovviamente vedere tutta la città e i tifosi così contenti è una cosa soddisfacente».

COVID – «Sfortunatamente, lo scoppio della nuova pandemia ha davvero cambiato l’ambiente del calcio internazionale e ha avuto un impatto su molte industrie, in particolare quelle impegnate nei servizi offline. Le industrie del calcio e dello sport sono le industrie che sono state colpite. I tifosi non possono recarsi a vedere la partita di persona negli stadi e molti negozi e ristoranti hanno dovuto restare chiusi. Questo ha effettivamente colpito il nostro settore. Se si guarda solo alla stagione 19-20, l’intera industria calcistica europea potrebbe aver perso 2-3 miliardi di euro. Sommando le due stagioni arriviamo forse 5-6 miliardi di euro, che colpiscono molti club e persone del settore calcistico. Questa cifra non verrà recuperato presto, quindi per noi molte situazioni non saranno quelle che erano prima dell’epidemia. Adesso tutti i club devono pensare a come tagliare le spese e come mantenere la sostenibilità nei prossimi anni».

SUPERLEAGUE – «Penso che questa serie di eventi ci abbia ispirato: dobbiamo collaborare con Fifa e Uefa per migliorare la qualità del gioco, sapere quali cambiamenti dobbiamo apportare al mercato, ascoltare i pensieri dei tifosi e sapere come agire per dare loro un’esperienza migliore. L’epidemia ci ha infatti spinto a vedere la necessità di cambiamento e innovazione. Non importa quale metodo venga utilizzato, quello che dobbiamo sapere è che è necessario capire il mercato, capire la situazione una volta cessata la pandemia, cambiare il sistema di calcio e migliorare il sistema di calcio».