Zironelli: «Questa partita può rappresentare la svolta per rimanere sul pezzo»

zironelli
© foto Db Alessandria 18/11/2018 - campionato di calcio serie C / Juventus Under 23-Pontedera / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Mauro Zironelli

L’allenatore della Juventus U23 Mauro Zironelli ha parlato al termine della partita pareggiata contro il Novara

(Giovanni Albanese inviato al Moccagatta di Alessandria) Mauro Zironelli, allenatore della Juventus U23, ha parlato in zona mista della partita pareggiata contro il Novara. Ecco le sue parole. LA CRONACA DEL MATCH

NOVARA – «Abbiamo avuto occasioni con Olivieri e Kastanos a parte il gol, e poi nella ripartenza c’era Olivieri davanti al portiere. Dispiace perché abbiamo fatto un gran primo tempo, nel secondo meglio loro però poi quando sono andati a tre punte non abiiamo più rischiato niente, nel momento in cui stavamo andando un po’ meglio abbiamo fatto un rigore che è l’unica occasione che hanno avuto e poi la parata di Del Favero. Sono contento perché c’è stata reazione rispetto alla partita di mercoledì, molto meglio. Un punto però è un po’ poco. Rispetto all’andata però le partite le abbiamo giocate diversamente, più propositivi e aggressivi. Novara comunque è una squadra forte e siamo riusciti a colpirli»

SQUALIFICATI – «Adesso abbiamo tre squalificati, Beruatto, Del Prete e Morelli, adesso abbiamo l’occasione di vedere anche gli altri giocatori che hanno fatto bene, Anderson e Coccolo le hanno prese tutte».

PAREGGIO – «Sicuramente con la Carrarese abbiamo avuto tante occasioni e fare almeno un gol. La scorsa settimana dicevamo che non riuscivamo a pareggiare. Oggi sarebbe stato un peccato non portare a casa neanche un punto»

BERUATTO – «Si è arrabbiato perché c’era stato un fallo su di lui e poi gliel’ha fischiato dopo, ha avuto un gesto di stizza che si poteva risparmiare. Era davanti alla loro panchina, ci hanno messo anche il carico loro, e l’arbitro è arrivato e l’ha buttato fuori. Poteva evitarlo però»

MIGLIORAMENTI – «Mi sono arrabbiato perché non è possibile avere questi cali di concentrazione. Per fortuna i miei ragazzi l’hanno capito. non è il caso di continuare con gli elogi. Questa partita può rappresentare un inizio per poter restare sul pezzo, il nostro difetto è che molte partite non giochiamo sempre semplice. Oggi lo abbiamo fatto, sta uscendo un po’ di gioco e di piacere nel giocarla e nel proporre un calcio offensivo, le occasioni ora arrivano ad arrivare. Ci manca sempre un po’ di personalità per palleggiare, non puoi sempre prendere palla e rilanciare. Con giocatori più esperti riesce meglio addormentare la partita».