Allegri difende il suo credo: «Non ho mai visto un allenatore fare gol»

allenatore juve allegri
© foto www.imagephotoagency.it

Allegri difende il suo credo: «Non ho mai visto un allenatore fare gol». Le parole del tecnico livornese

In un’intervista rilasciata all’Equipe Massimiliano Allegri è tornato a difendere la propria idea di calcio.

GIOCATORI DECISIVI – «Dobbiamo cercare di far capire ai futuri allenatori che non devono fermarsi al campo, che è importante ma non decisivo. Dare un’organizzazione a una squadra lo è, ma sono i giocatori che vincono la partita. Non ho mai visto un allenatore fare gol dalla panchina. Devi dare alla squadra un’organizzazione, ma non puoi immaginare di vincere una partita con un piano tattico».

LA SETTIMANA E LA DOMENICA – «Un allenatore deve vivere il campo. Prepari la partita, dici: “faremo questo, questo e quello”, e poi, nove volte su dieci, va diversamente. Il buon allenatore è quello che fa meno danni. È colui il quale sa leggere il gioco, e non importa se gioca a 3, a 4 o a 5 dietro. Dal lunedì al venerdì si fa un lavoro, la domenica se ne fa un altro, si gestisce l’inatteso. Un grande leader trova la soluzione al suo problema prima degli altri».

STATISTICHE – «Se vinci 2-0, lasci la palla all’avversario e poi dicono: “Ah, ma non hai avuto il possesso della palla. Ma ho deciso di non avere possesso. Qual è il problema?. Noto che i gol più spettacolari sono quelli segnati in contropiede, perché combinano tecnica, velocità e spazio. Il possesso è importante nella gestione di un gioco. Se stai giocando contro una squadra che difende in dieci uomini, è ovvio che avrai il possesso ma qual è il tuo merito?».

GUARDIOLA – «Quando era al Barça, la sua filosofia era di reagire alla perdita della palla, di recuperarla immediatamente, e di tenerla, perché aveva Xavi, Messi e Iniesta, e quando decidevano, segnavano. Il Manchester City gioca un calcio molto diverso, perché Pep è intelligente e vede le caratteristiche dei suoi giocatori. Quel Barça era unico e non può essere ripetuto, non fa parte del calcio normale, aveva giocatori eccezionali e nessuno giocherà di nuovo questo calcio. Abbiamo cercato di copiare qualcosa che non esisteva! Esiste un solo Messiche può dribblare otto avversari».

Condividi