Allegri Juve: separazione vicina, ecco la lista dei possibili successori

Iscriviti
allegri
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo cinque stagioni di successi, e qualche delusione di troppo in Champions League, la Juve e Allegri verso la separazione

Massimiliano Allegri vicino al capolinea della sua esperienza sulla panchina della Juve. Dopo cinque anni di successi in Italia, con cinque Scudetti e quattro Coppe Italia e due Supercoppe, il tecnico dovrebbe chiudere il suo rapporto di lavoro un anno prima rispetto al contratto che lo legherebbe ufficialmente fino al 30 giugno 2020. Al momento, nettamente al ribasso le quotazioni circa la sua permanenza.

L’analisi della stagione

La delusione in Champions League, malgrado l’arrivo in bianconero di un campione come Cristiano Ronaldo, ha portato a un’analisi più attenta della gestione dell’intera stagione. Un peso non indifferente, in tal senso, lo hanno avuto gli infortuni e la pessima condizione fisica con cui i bianconeri sono arrivati nel momento decisivo della stagione.

I possibili successori di Allegri

Non è un segreto: Conte è in pole per sostituire Allegri, anche se il tecnico leccese è stato contattato a più riprese dall’Inter. Un clamoroso ritorno dell’ex capitano bianconero, però, non sarebbe l’unica pista accreditata al momento. Per una questione di cuore, lo stesso allenatore ha preso tempo con tutti gli altri club che lo hanno contattato, sia in Italia che all’estero. Ma non è escluso che, in caso di mancata permanenza di Allegri, sulla panchina della Juventus – insistenti le voci in ottica PSG oltre alla suggestione Barcellona – possa arrivare una guida tecnica a sorpresa. La rosa dei nomi sarebbe ampia, e non lascerebbe fuori proprio nessuno per tenere presente l’obiettivo Champions: da Guardiola a Deschamps, passando per Pochettino. Senza escludere l’ipotesi Mourinho che in caso di Conte all’Inter avrebbe il sapore di un film già visto a parti inverse. Si vedrà: per adesso, registriamo solo il cambio di tendenza sulla permanenza di Allegri sulla panchina bianconera.

Condividi