Connettiti con noi

Hanno Detto

Allegri pre Verona Juve: «Non ci possiamo permettere di abbassare l’attenzione»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Massimiliano Allegri ha parlato a JTV alla vigilia del match Verona Juve, in programma domani al Bentegodi

Ai microfoni di Juventus TV, Massimiliano Allegri ha parlato alla vigilia di Verona Juve. Le sue dichiarazioni.


CHE PARTITA SI ASPETTA – «Mi aspetto una partita difficile. Da quando hanno cambiato allenatore giocano in maniera diversa: più aggressivi, uomo a uomo a tutto campo. Sono in un buon momento, hanno entusiasmo e ci vorrà una bella prestazione».

TUDOR – «Ha dato seguito a quanto fatto la scorsa stagione da Juric. Sono aggressivi, hanno una buona tecnica. Sono una buona squadra con buoni giocatori».

INFORTUNATI – «Dovrebbe rientrare Bernardeschi, oggi si aggrega alla squadra vediamo come va. Poi De Sciglio e Kean fuori».

POST SASSUOLO – «Ieri non ho parlato assolutamente alla squadra e oggi parleremo perché ieri era troppo fresca. Era giusto avere una giornata di cattivo morale, oggi parlerò alla squadra e vedremo quanto sbagliato. Fa parte di una crescita generale, in questo momento dare spiegazioni ha poco senso. C’è solo da stare in silenzio, lavorare e cercare di fare dei risultati migliori di quanto fatto finora. Non ho da rimproverare niente dal punto di vista dell’impegno. In quei momenti bisogna capire i momenti della partita: non si può vincere quando mancano 10 secondi, come successo nel primo gol. Sono dettagli che ti fanno vincere o perdere le partite e su questo bisogna migliorare».

MIGLIORARE L’ATTACCO – «Ci sono momenti in cui fai gol e momenti in cui non fai gol. Col Sassuolo abbiamo fatto tanti tiri, ma alla fine il risultato condiziona il giudizio. Ma la prestazione è rimasta la stessa: il gol al 43′ non lo devi prendere in una situazione normale, facile da gestire. Il risultato cambia l’umore e il giudizio degli addetti ai lavori».

DE LIGT NELLA DIFESA 3 – «In questo momento abbiamo la partita di domani che è importante, difficile, e martedì abbiamo una partita decisiva per il passaggio in Champions. Poi avremo più tempo di lavorare quotidianamente».

LA COSA CHE PIU’ SI ASPETTA DI VEDERE – «Affrontare con grande rispetto il Verona, come facciamo con Chelsea, Milan e Inter dobbiamo farlo anche con squadre di media-classifica. In questo momento non ci possiamo permettere di abbassare l’attenzione e avere più paura perché ti alza l’attenzione».