Altobelli: «Ancora dobbiamo vedere la Juve di Sarri. Conte giusto per l’Inter»

© foto www.imagephotoagency.it

Alessandro Altobelli, ex giocatore nerazzurro e bianconero, parla del big match tra Inter e Juve: le sue parole

Sulle pagine de La Stampa, Alessandro Altobelli parla di Inter Juve. L’ex giocatore di entrambe le squadre analizza la sfida da Doha, dove vive e lavora come opinionista tv.

INTER JUVE«Per me la Serie A è sempre vicina, ma sono felice che la passione di questa particolare Inter-Juve arrivi anche qui. Più equilibrata, sentita, attesa. Marotta e Conte, i due ex della Juve, animano ancora di più la sfida e io da interista sono ben felice che ci siano».

CONTE«Penso che sia l’allenatore giusto, anche se temevo che la sua juventinità lo avrebbe esposto a una situazione impossibile. Al primo errore poteva trovarsi lo stadio addosso. È stato intelligente, ha detto e fatto le cose giuste e preparerà la partita con il coltello fra i denti, però attenti… Le squadre prendono pregi e difetti dell’allenatore».

SARRI«Su sei partite di campionato ne ha vinte 5 e pareggiata una e dobbiamo ancora vedere la sua Juve. Figuriamoci quando ci arriva. Lui è particolare, magari fa uscite non in linea con le abitudini bianconere, però è serissimo, conosce il calcio e saprà sfruttare al meglio l’uomo in più: Ronaldo».

CR7«Non deve pensare solo a lui, sarebbe calcio antico e poi parliamo di un gruppo che senza Ronaldo è andato molto vicino a vincere la Champions. Se vogliamo, fin qui, ha fatto più senza Ronaldo che con. Ma saprà essere la carta in più».

BUFFON «Ha fatto la storia bianconera, forse ha sbagliato ad andare al Psg: voleva la Champions, è uscita una stagione deludente e chiudere così gli pareva sbagliato. Però torni e ti siedi in panchina: io non avrei retto. Avrei smesso».