Altobelli attacca: «La Serie A andava fermata prima. Juve-Inter non si doveva giocare»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Alessandro Altobelli, ex attaccante dell’Inter, ha rilasciato un’intervista, esprimendo il suo punto di vista sull’emergenza Coronavirus

L’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport ha realizzato un’intervista ad Alessandro Altobelli, che ha espresso il suo punto di vista sull’emergenza Coronavirus nel nostro Paese. Di seguito riportate le dichiarazioni dell’ex attaccante.

CORONAVIRUS – «L’emergenza è stata sottovalutata, nessuno all’inizio aveva capito la gravità della situazione. Penso che avrebbero dovuto fermare prima il campionato, non si sarebbe dovuto giocare Juventus-Inter, ma mi riferisco soprattutto ad Atalanta-Valencia…si sono fatte le cose in ritardo, ci saremmo potuti risparmiare qualche morto. E invece qui a Brescia è un continuo…».

RIPRESA«Oggi il mondo del calcio è in ginocchio dal punto di vista economico, capisco la voglia dei presidenti di ripartire. Io sono anche d’accordo, a patto che i medici diano il via libera. In questo momento non avrei neppure voglia di pensare a un nuovo inizio, se solo penso alle immagini di quanto accade qui a Brescia… Non vedo grandi possibilità, onestamente. Ma in caso dovesse arrivare il via libera, però, allora si giochi fino ad agosto, anche più in là, basta che si concluda questo campionato».

Condividi