Analisi tattica Juve Atalanta: Dybala soffre spalle alla porta

juve dybala
© foto www.imagephotoagency.it

La Juve fatica a servire Dybala e gli attaccanti in modo pulito. Il pressing dell’Atalanta non lascia il tempo neanche per respirare

In questo primo tempo, la Juve è stata letteralmente sovrastata dall’l’Atalanta in entrambe le fasi. Gli ospiti hanno dominato il palleggio, con i bianconeri che non hanno mai pressato in avanti la Dea. Gomez si abbassava costantemente un supporto di De Roon e Freuler, con la Dea che trovava sempre l’uomo libero alle spalle degli attaccanti della Juve. I bianconeri sono quindi stati costretto a un baricentro basso per larghe fasi della gara.

Oltre alle difficoltà difensive, i campioni d’Italia non sono quasi mai riusciti a consolidare ben il possesso. Le solite marcature a uomo di Gasperini sono risultate asfissianti, con la Juve che non ha quasi mai trovato l’uomo libero. Gomez si occupava di Bentancur, mentre Freuler e De Roon non lasciavano respirare Rabiot e Matuidi,

Per risalire, la Juve si è aggrappata molto alle verticalizzazioni per Dybala. Tuttavia, i difensori dell’Atalanta (soprattutto Palomino) erano sempre puntuali e intensi nell’accorciare, con la Dea che ha recuperato tanti palloni nella metà campo avversaria. In una di queste transizioni, è arrivato il gol di Duvan Zapata, proprio con la Joya che spalle alla porta ha perso il contrasto contro Freuler, che ha ben accorciato su di lui. Insomma, se la Juve vuole mettere in difficoltà la Dea è necessario un palleggio migliore, che mandi fuori giri le marcature avversarie. Per ora, i bianconeri sono troppo statici, stanno soffrendo molto l’intensità dell’Atalanta.

Condividi