Connettiti con noi

Lavagna Tattica

Juve Juventus U23 amichevole: Dybala è già ispirato- ANALISI

Pubblicato

su

Analisi tattica Juve Juventus U23 amichevole: la partita del JTC della Continassa analizzata nei dettagli. Le mosse di Allegri e Zauli

La Juve di Allegri si avvicina alla Serie A con una prestazione incoraggiante. Oltre ad avere (comprensibilmente) dominato, i bianconeri hanno fatto vedere cose interessanti, con azioni costruite molto bene. La Juventus è scesa in campo con un 3-4-2-1 che senza palla diventava un 4-4-2. Danilo agiva, in modo pressoché identico a quanto visto con Pirlo, come terzo di difesa, mentre Chiesa dava ampiezza a destra.

Approfittando del pressing alto e propositivo dell’Under 23, la Juve ha trovato numerosi spazi per attaccare, anche con azioni sviluppate da dietro. Come al solito con Allegri, abbiamo visto molti cambi di gioco sugli esterni, che però avvenivano con i tempi giusti: la palla girava rapidamente da un lato all’altro del campo. Chiesa è stato imbeccato diverse volte in situazioni dinamiche, con la squadra che lo ha supportato bene. Quando l’ex Fiorentina si stringeva, Dybala si apriva per compensare i suoi movimenti. Quando invece veniva isolato sul lato debole, spesso Danilo si sovrapponeva per dargli una soluzione di passaggio. Così è arrivato il gol di Morata, su assist del brasiliano.

La Juve ha quindi dimostrato un’ottima fluidità, occupando bene il campo. Tanti i singoli che hanno fatto bene: Bonucci ha effettuato diversi filtranti e ottimi cambi di gioco, mentre Ramsey ha smistato bene sugli esterni. Il migliore è stato però forse Dybala, autore di un meraviglioso gol e di un bellissimo assist. La Joya ha infatti agito a tutto campo: giostrava bene tra le linee sul centro-destra, mentre a volte si abbassava per dialogare (c’è stata un’azione molto bella in cui ha fraseggiato con Danilo). Insomma, ha inciso sia più in basso che in zona di rifinitura, dando estro e qualità negli ultimi metri.

Forse solo a sinistra le cose hanno funzionato meno bene. Alex Sandro poche volte è andato sul fondo, mentre Kulusevski non sempre ha trovato la posizione giusta in cui incidere. In ogni caso, la Juve è parsa più in salute rispetto alle ultime uscite, dimostrando anzi un palleggio più rapido e fluido rispetto a quanto fosse logico aspettarsi. E, con un Dybala così, è comprensibile essere ottimisti in vista di Udine.