Ancelotti: «Non mi interessa parlare di calcio, in Italia un bollettino di guerra»

ancelotti
© foto www.imagephotoagency.it

Ancelotti: «Non mi interessa parlare di calcio, in Italia un bollettino di guerra». Le dichiarazioni del tecnico dell’Everton

Carlo Ancelotti, tecnico dell”Everton (squadra da ieri in quarantena), è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport.

EMERGENZA – «In queste ore per me il calcio conta zero e mi dà quasi fastidio parlarne, di fronte alla tragedia alla quale stiamo assistendo. Ci troviamo a fare i conti con una pandemia, una situazione che nessuno di noi aveva mai vissuto fino ad oggi. Il bollettino dei morti dell’Italia è terribile. Il conto dei morti in Italia è terribile. Ogni sera leggiamo un bollettino di guerra. In un giorno sono scomparse altre duecentocinquanta persone. La priorità è concentrarsi su questa lotta, tutto il resto non conta».

SITUAZIONE CALCIO – «Chi può sapere che cosa accadrà. Noi, in teoria, dovremmo rimetterci al lavoro il 22 marzo, ma se la situazione generale dovesse peggiorare, come si può pensare alla ripresa del lavoro? Non conteranno le esigenze del calcio, ma la salute delle persone. Se ancora il Coronavirus sarà in piena esplosione, il calcio non potrà ripartire. Come si concluderà la Premier? Con estrema sincerità, l’argomento non mi interessa. Il calcio, di fronte alla vita e alla salute, va messo da parte».

[ajax_load_more post_type="post" previous_post="true" post__not_in="1252147" previous_post_id="1252147" posts_per_page="1"]