Andersson: «Sogno l’esordio in prima squadra, da Zironelli ho imparato tanto»

andersson
© foto Instagram

Mattias Andersson, difensore della Juventus U23, si racconta a 360 gradi, tra l’esperienza in Seconda Squadra e l’ambizione di esordire in Serie A

Intervistato da Goal.com, Mattias Andersson, difensore svedese della Juventus U23, ha fatto il punto sulla propria esperienza in biaconero.

CHIAMATA JUVE – «Ricordo che eravamo giunti alla fine della sessione estiva, mi contattò il mio procuratore illustrandomi questa possibilità. Ero emozionato, perché la Juventus è uno dei club più importanti al mondo. Il cuore iniziò a battere forte, con la mente già focalizzata sulla scelta. Non ho avuto la benché minima esitazione».

JUVENTUS U23 UTILE – «Sì, lo penso. Perché quando vieni ceduto in prestito, come accaduto nel mio caso nella passata annata in Den Bosch, puoi andare incontro ad alcune difficoltà: soprattutto in termini di minutaggio».

STAGIONE – «L’avvio è stato complicato, perché era tutto nuovo: giocatori, allenatori e staff tecnico. C’è voluto del tempo per diventare, appunto, una squadra. Ma siamo cresciuti e nei mesi abbiamo iniziato a ottenere risultati interessanti».

I CONSIGLI DI ZIRONELLI – «Molte cose dal punto di vista tattico. Ora, ad esempio, riesco a gestire la mia posizione. So come comportarmi in fase di possesso, così come ho imparato a muovermi quando devo difendere. Insomma, rispetto alle esperienze precedenti credo di essere cresciuto nel modo di interpretare il mio ruolo”

PRIMA SQUADRA – «Mi sono allenato diverse volte con loro. Oltre a essere grandi campioni sono anche grandi uomini, in quanto mi hanno sempre aiutato in tutte le esercitazioni. Da calciatori del genere c’è solamente da imparare».

ESORDIO – «Sono felice che molti ragazzi abbiano avuto l’occasione di mettersi in mostra con la prima squadra, è un aspetto importante per tutti noi. Io lavoro per farmi trovare pronto e, certamente, sarebbe bello avere questa chance».