Connettiti con noi

Hanno Detto

Arthur: «Campionato aperto, proviamo a vincerle tutte. Sull’infortunio…»

Pubblicato

su

Arthur, centrocampista della Juve, ha parlato a Sky Sport. Queste le sue dichiarazioni sull’infortunio, la stagione bianconera e non solo

Ai microfoni di Sky Sport, Arthur ha rilasciato un’intervista. Le parole del centrocampista della Juve.

INFORTUNIO – «È stato un infortunio strano…sfortunatissimo. Ma sono fortunato perché sono in un gran club con dei professionisti eccezionali e c’è anche il mio gruppo di lavoro personale che lavora insieme. E hanno fatto di tutto per farmi tornare a giocare il prima possibile. E già adesso sto molto meglio. Ovvio che dobbiamo controllare un po’ i carichi di lavoro perché non sono al 100% ma ho gran voglia di aiutare il mister e la squadra e dove posso aiutare io è in campo. Sto facendo il massimo possibile con medici e fisioterapisti per essere al massimo il prima possibile».

BILANCIO – «È presto per fare un bilancio della stagione. Perché c’è un campionato aperto. Se vinciamo il campionato e se vinciamo la Coppa Italia potrebbe essere un anno positivo. Poi l’obiettivo più grande che avevamo era la Champions e quella non possiamo più vincerla ma dobbiamo guardare avanti e provare a vincere tutte le partite che restano perché non è tutto perso».

PIRLO – «Credo che sono cambiato tanto dall’inizio della stagione, mi sento un giocatore con più qualità ed esperienza. E devo dire grazie a Pirlo, che ha creduto in me. È sempre stato diretto con me, e credo che i problemi di inizio stagione ci sono stati perché credeva in me. Mi ha aiutato a crescere, oggi faccio più passaggi tra le linee, sono più offensivo e sono cresciuto anche in fase difensiva».

BENEVENTO – «L’inizio delle partite ci ha insegnato che se non entri concentrato e con la voglia di dare tutto in campo, qualsiasi sia l’avversario, puoi essere sorpreso. Questo mi ha insegnato il campionato italiano. Tutte le squadre entrano molto convinte in campo e se tu entri invece con la guardia abbassata, se entri in campo deconcentrato, tutte le squadre possono sorprenderti… Per questo, per la partita di domenica dobbiamo entrare concentrati in campo sin dal primo minuto, per non rischiare delle sorprese…».

Continua a leggere
Advertisement