Il prof Ascierto scherza: «Coppa Italia? Se vincesse la Juve sarebbe un ritorno alla normalità»

Iscriviti
© foto Mg Torino 21/01/2019 - campionato di calcio serie A / Juventus-Chievo Verona / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: Giorgio Chiellini

Il professor Paolo Antonio Ascierto dell’istituto Pascale di Napoli, noto tifoso della Juventus, ha parlato della finale contro il Napoli

Paolo Antonio Ascierto, professore dell’istituto Pascale di Napoli, ha rilasciato un’intervista a Tuttosport in vista di Napoli-Juve di Coppa Italia. Queste le parole del direttore dell’unità oncologia melanoma, noto tifoso bianconero.

NAPOLI«No, sono contentissimo che tocchi alla mia Juventus e al Napoli contendersi il primo trofeo post Coronavirus. Un po’ perché negli ultimi dieci anni questa partita è diventata il principale classico italiano e un po’ perché Napoli-Juve è il mio derby».

MAGLIA CR7 – «No, la maglia di CR7 non si tocca, resta affissa: è un cimelio. Assisterò alla partita dal divano di casa con un amico, Ross del duo “Gigi e Ross”».

MESSAGGIO A DE LAURENTIIS – «No, sono scaramantico. Magari gli manderò un messaggio dopo la partita. A prescindere da questa finale, sarò sempre grato a De Laurentiis per l’affetto che ci ha dimostrato in questi mesi di emergenza. Sostegno morale e materiale: oltre a telefonarci per sostenerci e ringraziarci, si è confermato anche molto generoso attraverso importanti donazioni».

PRONOSTICO – «Dico e spero Juve. Magari con un gol di Ronaldo: le finali sono le sue partite. Ma temo che si possa arrivare anche ai rigori».

SIGNIFICATO – «È molto importante, è il primo trofeo post Covid. Sarebbe un altro segno di ritorno alla normalità, soprattutto se a vincere fosse di nuovo la Juventus…».

Condividi