Balzarini: «Calciomercato Juve? Occhio al nome di cui non si parla» – ESCLUSIVA

© foto www.imagephotoagency.it

Gianni Balzarini, giornalista di Sport Mediaset e grande esperto di Juventus, parla in esclusiva su JuventusNews24

Gianni Balzarini, giornalista di Sport Mediaset, in esclusiva su JuventusNews24 per commentare le ultime notizie ed analizzare la prossima sessione di mercato della Juventus.

Balzarini, la Juventus per quanto aspetterà Arthur?
«Ci proveranno ancora, ma non oltre un certo limite. Anche e soprattutto per una questione di orgoglio. Sappiamo come ragione la Juve: se un giocatore non ti vuole è perché non ti merita».

Altre soluzioni per il trasferimento di Pjanic al Barcellona sono contemplabili?
«Juventus e Barcellona per il momento hanno preso in considerazione solo quel tipo di scambio. La Juve non tratta altri giocatori. È uscito il nome di Ansu Fati, ma mi sembra tanto una suggestione. Non si tratta di un giocatore che avrebbe spazio subito e soprattutto non sarebbe una soluzione per il centrocampo. Il problema è che il Barça non può permettersi di spendere 50 milioni cash in questa sessione di mercato».

Quindi che centrocampo sarà quello della Juve il prossimo anno?
«Per motivi diversi sia Jorginho sia Paredes sono profili impraticabili. Pjanic ha scelto una grandissima squadra come il Barcellona, ma sarebbe contento anche di rimanere alla Juventus. Sicuramente andrà via Khedira – lo dò al 99,9% – ma con l’arrivo di Kulusevski saresti numericamente tranquillo. Poi non si possono escludere altri inneschi dovessero uscire, ad esempio, Rabiot o Matuidi».

Niente Tonali?
«Sarebbe una pista concreta solo se andasse via Pjanic, considerando che in rosa hai anche Bentancur. Ma occhio anche all’Inter che è molto attiva su quel fronte».

La pista Pogba è completamente impraticabile?
«Completamente fuori da qualsiasi scenario reale, per qualsiasi squadra. Anche qualora lo United dovesse farti lo sconto, non scenderesti sotto i 100 milioni. Poi guadagna 16 milioni netti all’anno, più del doppio di quello che è il tetto della Juve».

Qual è il destino di Gonzalo Higuain?
«Il River è fortemente interessato e lui vorrebbe tornare a casa. Anche lui al 99,9% lascerà la Juventus, nonostante quest’anno abbia fatto molto bene sotto l’aspetto tecnico e tattico. Il problema è che guadagna 7.5 milioni di ingaggio, e questo è l’ultimo anno in cui puoi ammortizzarlo a bilancio, cercando di venderlo a 18 milioni».

Il giocatore da prendere al suo posto?
«Milik è il primo nome, intanto perché guadagna “solo” 2.5 milioni a stagione. Il Napoli lo valuta 40 milioni ma puoi andare a trattare. Lo stesso giocatore si è già esposto rifiutando il rinnovo col Napoli. Ci sono tutte le premesse per una trattativa. Il rischio è quello che possano inserire altre squadre. Senza dimenticare…».

Chi?
«Chiesa è una pista sempre concreta, un giocatore che la Juve vuole da tempo. Commisso l’ha blindato la scorsa estate perché se no sarebbe stato linciato in Piazza della Signoria. Un presidente della Fiorentina simpatizzante per la Juve che appena arrivato vende ai bianconeri il suo miglior giocatore… Non il massimo. Ora invece ci sono state delle aperture e Commisso è parso disponibile a lasciare l’ultima parola a Chiesa. Anche se dubito che ne parlerà con Nedved, visto quello che è successo dopo l’ultimo Juve-Fiorentina…».

Il futuro di Cristiano Ronaldo è alla Juventus?
«Almeno per un’altra stagione resterà alla Juventus, salvo offerte clamorose, pazzesche. Ha un contratto ancora di due anni e almeno per un altro resterà bianconero. Poi il suo futuro potrebbe essere al Manchester United o in Portogallo. E comunque sarà il primo a fermarsi quando si accorgerà che il suo fisico non gli consente più di essere al top».

Dobbiamo aspettarci qualche sorpresa dalla Juve nella prossima sessione di mercato?
«Le sorprese ci sono sempre state nel calciomercato della Juventus. Hanno sempre in serbo qualcosa che non ti aspetti. La discriminante quest’anno è la condizione economica in cui versano tutte le società. Però, magari, il nome di cui non si è mai parlato te lo ritrovi una mattina al J Medical a fare le visite».

Si ringrazia Gianni Balzarini per la gentilezza e la disponibilità mostrate in occasione di questa intervista