Barzagli a Casa con la Juve: «Ecco come trascorro le mie giornate»

Iscriviti
barzagli
© foto www.imagephotoagency.it

Barzagli a Casa con la Juve: l’ex difensore ospite del salotto bianconero. Tutte le sue dichiarazioni e le risposte ai tifosi

È Andrea Barzagli l’ospite di giornata su A Casa con la Juve, l’ormai noto format che sta tenendo compagnia ai tifosi in questi giorni di isolamento. L’ex difensore bianconero, attualmente collaboratore di Maurizio Sarri, ha risposto proprio alle domande dei sostenitori di Madama.

BARZAGLI«Passo le giornate con degli step da fare, sono a Torino, putroppo da solo, mi sveglio, faccio colazione, leggo un libro, faccio due chiamate. Per fortuna ho il tapis roulant. Il pomeriggio diventa un po’ lungo, poi mi faccio un aperitivo con i miei amici».

PIU FORTE PALLA AL PIEDE  «Matri è un ex difensore centrale che è diventato attaccante. Dopo tre metri se la scordava dietro».

CUCINA – «Io non so cucinare, adesso cucino per me ma cose semplici. Sono tornato come quando avevo 18-19 anni. Ero famoso per il mio tiramisù, ma adesso è un anno che non mi viene più bene».

SUL FUTURO DI MATRI «E’ finito da alcuni anni ma non lo sa. Scherzi a parte, può approfittare di questa pausa forzata: si riaprirà il mercato e potrà dimostrare il suo valore».

ORGOGLIO CALCISTICO «Ho avuto una carriera piena, sono orgoglioso per quello che sono diventato come calciatore. Mi rivedo dalla Cattolica Virtus fino alla Juventus».

MUSICA «Io sono un appassionato di musica, soprattutto di rock straniero, svario molto».

SCHERZI «Ne ho ricevuto diversi lo scorso anno dai sudamericani. Mi sono ritrovato la macchina incellofanata e riempita di coriandoli. Ci sono voluti cinque lavaggi per farla tornare pulita».

COLPO DI TESTA PIRLO  – «Inguardabile. In Nazionale mi ricordo che entrò Carrol, e Pirlo gli prese due palle di testa. Non penso abbia mai segnato di testa».

GOL CON LA JUVE «Ne ho fatti due, entrambi all’Atalanta. Sono legato al rigore segnato all’Inter in Coppa Italia».

Condividi