Barzagli a Cannavaro: «La Juve mi ha dato questa possibilità, in futuro…»

Iscriviti
barzagli
© foto www.imagephotoagency.it

Barzagli a Cannavaro: «La Juve mi ha dato questa possibilità, in futuro…». I due ex difensori bianconeri in diretta su Instagram

Fabio Cannavaro e Andrea Barzagli si sono intrattenuti ieri in diretta su Instagram. Queste le dichiarazioni dell’attuale collaboratore di Maurizio Sarri.

RITORNO ALLA JUVENTUS – «Dopo le vacanze, mi hanno dato questa possibilità. Ho passato tutto il primo mese guardando e ascoltando molto, se posso provo a dare qualche consiglio perché conosco l’ambiente. Guardo, imparo, per me è tutta una novità, anche perché allenatore e staff non li avevo avuti prima. È simpatico fare il collaboratore ma dev’essere abbastanza stressante fare l’allenatore. Per adesso non so ancora cosa farò in futuro, mi faceva piacere restare nell’ambiente almeno per un anno per conoscere l’altra parte».

BBC – «Chiellini è l’unico che mi chiama ancora ‘Barzaglione’, ma glielo concedo. Leo (Bonucci, ndr) mi chiama mister, anche se poi tiene sotto il sorrisino. Gigi è sgamato in pieno quando arriva, mi chiama mister e già ride. Gli altri mi chiamano mister, con alcuni con cui ho giocato è strano, però se do un consiglio lo accettano tranquillamente. Se devo fare qualcosa di singolo non lo faccio di certo con Giorgio e Leo, non ce la farei».

ADDIO AL CALCIO GIOCATO – «Mi sono messo a pensare in maniera diversa negli ultimi anni, crescendo con l’età. L’anno scorso ho capito che dovevo smettere perché cominciavo ad accettare tutto».

BUFFON – «Io ci sto provando a dire a Gigi ‘basta’ (sorride, ndr), però lui sta bene onestamente. Anche Giorgio sta bene e con questa sosta forzata si può rimettere in piedi nel modo migliore».

SCONFITTA FINALE EURO 2012 – «Noi con la Spagna siamo arrivati stracotti, anche se fossimo arrivati in forma, loro erano superiori e poi hanno cominciato a giocare di gruppo. Quando poi li abbiamo fatti fuori all’ultimo Europeo loro erano in discesa, anche perché non possono essere tutti Xavi o Iniesta».

Condividi