Connettiti con noi

Hanno Detto

Barzagli: «Pogba e Di Maria due super colpi per la Juve». Poi punge De Ligt

Pubblicato

su

Barzagli: «Pogba e Di Maria due super colpi per questa nuova Juve». Poi punge De Ligt e parla dei possibili sostituti

Andrea Barzagli è intervenuto ai microfoni di Tuttosport. Di seguito le parole dell’ex difensore della Juventus.

POGBA – «Se penso a Paul, con cui ho sempre avuto un ottimo rapporto, mi vengono in mente i primi allenamenti. Aveva 18-19 anni e vedevi un ragazzo con qualità incredibili, che poi è migliorato divertendosi. Aveva tutto: tecnica, fisico, passaggio, corsa. Rivederlo alla Juve? È bello e affascinante, anche per i tifosi, riabbracciare Paul. Torna dopo sei anni al Manchester United. È un qualcosa in più per la squadra e anche per tutto l’ambiente: Pogba porterà entusiasmo. Pogba è un giocatore di spessore internazionale e ha già giocato nella Juventus. Paul sa cosa vuol dire indossare questa maglia e sa cosa vuol dire vincere. E soprattutto porta personalità, qualità, gol e assist. Ma quello che conta di più è quel mix di personalità e qualità che negli ultimi anni è venuto un po’ a calare. A Manchester ha patito il peso di dover dimostrare di valere i 105 milioni investiti dallo United. Da fuori non si percepisce la pressione che deve sopportare un ragazzo, comunque giovane, quando le aspettative sono altissime. O sei un giocatore che segna 60 gol all’anno, altrimenti è dura far vedere di valere 105 milioni. Quello ha pesato moltissimo. Il giocatore, però, non si discute: è ancora giovane ed è uno che sposta gli equilibri. Avrà una gran voglia di rimettersi in pista. E vincere. Per la Juventus è un grandissimo colpo». 

DI MARIA –  «Di Maria l’ho affrontato quando era al Real Madrid. È un giocatore dotato di una qualità incredibile. Sono curioso di vederlo nel campionato italiano. È un super acquisto per la Juventus. Può inventare una giocata decisiva da un momento all’altro. Questa è una dote che nel calcio moderno hanno in pochi. Se non il migliore, uno dei migliori in Serie A. A 34 anni non sarà al massimo del suo livello fisico, però ha esperienza e una tecnica eccezionale. Lo ha dimostrato anche nella Finalissima Italia-Argentina di poche settimane fa. Certi giocatori, e Di Maria è uno di questi, sono facili da allenare. Basta una parola e loro capiscono tutto al volo. Anzi, aggiungono pure qualcosa di più». 

SCUDETTO – «Spostano di più Pogba e Di Maria perché sono due. Lukaku ha dimostrato di fare la differenza in Serie A, però i due acquisti della Juventus portano quella personalità e quella qualità che un po’ mancava. Pogba e Di Maria faranno ritornare grande la Juventus. Io non faccio i giochini di strategia come fanno gli allenatori nelle dichiarazioni. Metto Juventus e Inter alla pari, con alle spalle il Milan. E poi il Napoli». 

ALLEGRI-CONTE – «Allegri è intelligente e lo ha dimostrato anche lo scorso anno. Nel momento di difficoltà ha capito che avrebbe dovuto fare di più, infatti abbiamo visto una buona Juve nella seconda parte. Quest’anno ha un compito ancora più complicato perché il club deve tornare a vincere lo scudetto. Ci saranno momenti da ridere, ma anche momenti in cui stare ben concentrati. Non c’è nessuno in grado di valorizzare i giocatori come Antonio: è straordinario e lo ha dimostrato anche al Tottenham. Sono legato pure a Paratici, che mi venne a vedere spesso al Wolfsburg prima di prendermi alla Juventus. Lo dimostrano anche le operazioni Bentancur e Kulusevski, prima criticati e ora idoli degli Spurs. Conte e Paratici sanno di calcio. Diversi sì, però hanno una cosa in comune: allenano per vincere. E sanno vincere. Poi uno ha una tecnica e uno un’altra».

CHAMPIONS – «Negli ultimi anni la Juventus è uscita contro squadre che, sulla carta, sembravano abbordabili. La Juve deve tornare almeno nei quarti di Champions, poi le variabili sono tante a quel punto. Le big, però, ai quarti arrivano sempre». 

ZANIOLO –  «Non lo so. Non so inquadrare bene Zaniolo in questa Juventus. E non lo dico per le qualità, perché quelle le vedono tutti. È normale, però, che il club stia puntando a prendere i migliori giovani italiani per creare una nuova base. Zaniolo può dare imprevedibilità in certi momenti, sarei curioso di vederlo in una squadra che gioca per la Champions». 

CHIELLINI –  «Che i difensori facciano vincere i campionati vale più in Italia che all’estero. Alla fine è una via di mezzo: una difesa forte aiuta. Ma l’attaccante, oltre a farti vendere i biglietti, se fa gol ti fa vincere le partite. In Serie A, però, statisticamente arriva primo chi difende meglio di squadra e subisce meno reti». 

DE LIGT – «Matthijs non ha fatto vedere il suo massimo potenziale nonostante l’ottimo campionato dello scorso anno, nel quale ha cominciato a prendersi la responsabilità di guidare la difesa e la squadra. È un po’ il discorso di Pogba al Manchester United, ma con un aspetto in più. De Ligt è arrivato alla Juventus giovane con la pressione di essere stato pagato tantissimo e con due grandi difensori davanti come Chiellini e Bonucci. Non è facile quando vieni pagato così e ci sono aspettative. È difficile trovare continuità e avere la fiducia giusta con due mostri del genere davanti. Se dovesse davvero andare via, sarebbe una grande perdita per la Juventus e anche per il campionato italiano. È normale che poi, nel caso, andrà sostituito con un difensore di spessore. I centrali top sono rari».

KOULIBALY –  «Dovessero prendere Koulibaly, il problema difensore sarebbe già risolto perché Kalidou è veramente forte. Bremer sarei curioso di vederlo: non metto in dubbio le sue qualità, che sono evidenti, però nel suo caso ci sarebbe da capire come reagirebbe al salto di qualità e al dover giocare ogni tre giorni per vincere, senza poter sbagliare nulla. Un difensore che apprezzo all’estero? Koundé del Siviglia. Anche mio figlio stravede per lui». 

GATTI – «Sono onesto: quando fai un salto del genere è perché hai potenziale e te lo sei meritato. Per cui eviterei discorsi del tipo: goditi il momento. No, Federico deve andare lì e giocarsela. E credo che lo farà: quando parti da certe categorie e arrivi in alto, significa che hai fame e voglia di affermarti. In Nazionale mi ha trasmesso buone sensazioni, fisicamente è forte. Lo valuteranno bene in ritiro, ma se lo hanno scelto è perché ha qualità». 

BONUCCI – «Leo è sempre stato un capitano. La fascia può contare, ma poi dentro lo spogliatoio ci sono i leader che fanno la differenza. E Bonucci lo è sempre stato, con personalità». 

VLAHOVIC –  «Dusan ha ottime potenzialità, ma deve dimostrare ancora tanto. Deve migliorare nel gioco con la squadra. È un finalizzatore top e ha una mentalità notevole. Sono convinto che Di Maria e Chiesa, quando rientrerà, daranno a Vlahovic una grande mano: un po’ quello che è mancato nel finale di stagione». 

DYBALA – «E mi fa strano vedere Paulo senza squadra al 10 luglio. Strano è tutto il mercato, con giocatori importanti in scadenza e a spasso. Sono curioso di vedere dove potrà andare la Joya. A me piacerebbe vederlo all’estero, in un campionato con maggiori spazi per lui. Sarebbe anche una esperienza nuova. Ma Dybala è Dybala: lo vedrei bene ovunque». 

PIRLO – «Andrea si è rimesso in gioco e ha fatto bene. Alla Juventus ha dovuto fare un anno non facile per via del Covid e sarebbe stato complicato per qualsiasi esordiente. Bravo Pirlo, gli faccio un grande in bocca al lupo. Tevez al Rosario Central? Carlitos è un trascinatore nato, ha una personalità pazzesca. Lo vedo alla grande in panchina».

News

VIDEO

Copyright © Juventus News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 45 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sportreview S.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Juventus Football Club S.p.A. I marchi Juventus e Juve sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A.