Bentancur: «Non ci sentiamo superiori, ma sappiamo di essere forti»

bentancur
© foto www.imagephotoagency.it

Rodrigo Bentancur, centrocampista uruguaiano della Juventus, ha parlato in vista del match di Champions League contro lo Young Boys

IL centrocampista Rodrigo Bentancur è stato intervistato da Sky Sport prima del match di Champions contro lo Young Boys, ecco cos’ha detto.

NAPOLI – «È stata una giornata molto positiva, abbiamo vinto contro il Napoli, la seconda forza del campionato, e allungato in classifica. Dobbiamo giocare per vincere tutte le partite per aumentare il distacco e possiamo farcela. Non ci sentiamo superiori, ma siamo molto unti e sappiamo di essere forti. Affrontiamo ogni partita al massimo, anche perché sappiamo che, essendo la Juve, ogni avversaria farà altrettanto».

CHAMPIONS – «Vogliamo vincere per mettere già un piede nel prossimo turno ma sappiamo che sarà dura perché come ho detto, tutte le squadre contro di noi danno il meglio. Non ci sarà Cristiano, sappiamo quanto sia importante per noi, ma questo è uno sport di squadra, si gioca in undici e chi sarà in campo darà il massimo».

MONDIALE – «È stato incredibile, non avrei mai pensato di riuscire a giocarne uno così giovane. Abbiamo fatto tutto il possibile, ma ci siamo trovati di fronte una grande squadra come la Francia e sono felice di aver vissuto un’esperienza simile».

CRESCITA – «Sono soddisfatto. Non ho giocato molto all’inizio, ma nelle ultime ho giocato titolare due volte e sono entrato anche contro il Napoli. Devo cercare di guadagnarmi più minuti possibile e aiutare la squadra. Allegri mi chiede personalità e di giocare più vicino all’area avversaria, anche per trovare il mio primo gol con la Juve. La mia non è una carriera lunga e non ho segnato molto, ma prima o poi arriverà anche la rete».

OBIETTIVI – «Migliorare, giocare il più possibile magari conquistare un posto da titolare e proseguire nel mio percorso di crescita».

Articolo precedente
pedoneFrancesco Pedone: «La nostra legge è quella del gioco» – VIDEO
Prossimo articolo
Le verità di Marotta: «Orgoglioso per aver fatto crescere tanti dirigenti»