Bergonzi: «Tornare al calcio senza Var sarebbe un problema. L’Ifab…»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex arbitro Bergonzi ha parlato della possibilità di tornare a giocare senza Var e non solo: le sue parole

Mauro Bergonzi, ex arbitro, ha parlato della possibilità di tornare a giocare senza var e non solo. Le sue parole in esclusiva a Calcionews24.

PAROLE NICCHI – «Nicchi è il presidente dell’AIA ed è l’unico autorizzato a parlare di arbitri. Se non ci sono le condizioni idonee alla salute in sala VAR è giusto che si prenda in considerazione non utilizzarlo. Ma penso che non ci sia problema a mettere a disposizione delle sale idonee. Alla fine credo che ci sarà perché sono in tanti a volerlo. I primi sono gli arbitri, abituati al supporto della tecnologia. Tornare a un calcio senza VAR sarebbe un problema. Anche la FIFA vuole che ci sia. L’IFAB nel nuovo regolamento caldeggia fortemente il suo utilizzo. Non vedo come si possa riprendere senza».

IFAB – «Da sempre l’operato degli arbitri è caratterizzato da polemiche e non solo in Italia. L’IFAB è l’unico organismo competente e sta facendo degli aggiustamenti. Gli ultimi che sono stati fatti tutto sommato sono dettagli che vanno a specificare determinate aree di intervento come i falli di mano, ma non cambia la regola. Hanno chiarito meglio la situazione sul gol da annullare. Altra indicazione utile è quella di spingere gli arbitri ad andare più al monitor. Questa cosa potrebbe creare un po’ di confusione, perché l’utilizzo del VAR è indicato per eliminare i chiari ed evidenti errori. Se ognuno va a vedere situazioni soggettive si potrebbe creare ancora più confusione. L’indicazione comunque è quella di usarlo di più».

Condividi