Beruatto: «Settimana difficilissima, ma i ragazzi sono stati straordinari»

beruatto
© foto www.imagephotoagency.it

Mister Beruatto a parlato al termine della gara che la Juventus Under 16 ha vinto contro i pari età del Carpi

Paolo Beruatto, allenatore della Juventus Under 16, commenta così il match che i suoi – fortemente decimati dalla una maxi squalifica – hanno vinto contro il Carpi.

SETTIMANA – «È stata una settimana difficilissima. Devo dire che con il club, la società, il nostro responsabile Scaglia, io e mister Valenti abbiamo messo assieme una settimana incredibile. A inizio settimana le cose sembravano veramente difficili, dovevamo fare due partite il club non ha voluto rimandare la partita ma l’ha voluta giocare. L’unica cosa che mi spiace è che hanno pagato gli Under 15. I migliori sono venuti con me ed in termini di risultati hanno pagato loro. Secondo me è stata una vittoria della società. Non si siamo tirati indietro e i ragazzi hanno fatto una settimana straordinaria. Gliel’ho detto prima della partita. in questa settimana ho imparato tanto da loro. Quando sei squadra difficilmente non fai prestazione, e oggi abbiamo fatto prestazione e risultato».

PROVVEDIMENTI – «È stata una mazzata ma loro per me pagano poco. Secondo me, è il mio parere, andava fatto un intervento diverso. La società aveva già preso tanti provvedimenti contro di loro. Per me a sei mesi dal fatto, squalificarli per una giornata non ne vedo l’utilità. Penso ai servizi sociali, qualcosa così. A loro cambia poco, ora fanno allenamento».

CARPI – «Era una squadra che aveva finito bene il girone di andata, noi eravamo preparati a queste ripartenze, anche se non è nel nostro dna. Oggi avevamo preparato la partita così, loro non credo conoscessero Chibozo, che è un giocatore straordinario. I ragazzi in tre minuti hanno indirizzato la partita su quel binario, la mia grande paura era di non arrivare a fine partita e arrivare un crollo nel finale. Chiaro che il risultato ci ha aiutato ma siamo stati bravi ad indirizzare la partita in quel modo».

Articolo precedente
keanOltre i “buuu” sospetti: una domenica significativa in casa Juventus
Prossimo articolo
vogliaccoVogliacco al Pordenone: visite mediche e nuova avventura in Serie C