Birindelli: «Juve-Napoli? Agnelli è stato perfetto» – ESCLUSIVA

© foto www.imagephotoagency.it

Alessandro Birindelli ha commentato le ultime vicende in casa Juventus: ecco le parole dell’ex terzino bianconero in esclusiva

Alessandro Birindelli è stato per anni pendolino instancabile delle fasce bianconere. Intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni, ha parlato degli ultimi temi in casa Juventus, dalle polemiche relative alla gara con il Napoli al mercato.

Birindelli, che idea si è fatto sulla vicenda relativa a Juventus-Napoli?
«Io ho ascoltato l’intervista di Andrea Agnelli. Credo che abbia spiegato tutto in maniera perfetta. Da qui a dire se il Napoli abbia torto o se l’operato dell’Asl è stato corretto o meno, non spetta a me. Agnelli ha spiegato bene: esiste un protocollo, come la Juve lo ha rispettato, spera che sia stato anche così al Napoli. Poi le indagini diranno chi ha sbagliato o chi ha fatto questo passo verso la chiusura e la mancata partenza verso Torino».

Veniamo al mercato. La Juventus ha chiuso con Federico Chiesa. Che ne pensa dell’operazione?
«Sicuramente è un giocatore importante, giovane italiano e di grande prospettiva. Viene da campionati in cui ha fatto grandi cose. Va a completare un organico importante nel reparto offensivo perchè lui lo è altrettanto».

Un voto complessivo al calciomercato bianconero, con un’opera di grande ringiovanimento?
«Il calciomercato dipende anche dalla situazione. Il lockdown ha costretto le società a fare i conti con tante perdite. Secondo me la Juventus si è mossa in maniera perfetta, per quello che poteva».

Come valuta il primo approccio di Pirlo? L’apporto di Tudor?
«Secondo me è presto per dare giudizi ma si vede già l’idea che lui vuole dare alla squadra, lo ha detto spesso dalle prime interviste. Vuole una squadra aggressiva che riconquista molto alta la palla. All’inizio questo ti comporta poco equilibrio perchè c’è poco tempo per prepararsi. Questo può portarti a ribaltamenti come per Cuadrado contro la Roma che si è trovato uno contro tre. Ma questo si sapeva già. L’apporto di Tudor in difesa? I calciatori della Juventus sanno cosa fare in campo e Pirlo li conosce bene, avendo giocato con qualcuno. E i senatori saranno importanti per trasmettere i messaggi ai nuovi».

Un ricordo di quel gol splendido al Deportivo La Coruna?
«Sono ricordi bellissimi, indelebili nella mia mente e penso anche in quella dei tifosi e degli appassionati di calcio. Mi è stato riconosciuto da tutti e questo mi fa piacere».

Rivali Scudetto: dove colloca la Juve nella corsa al titolo? Quali altre squadre corrono per lo Scudetto?
«Penso che le favorite rimangano Juventus e Inter e l’Atalanta, che non è più una sorpresa ma una realtà. Ci può stare anche il Milan e di sicuro il Napoli. Queste se la possono giocare per lo Scudetto».

Si ringrazia Alessandro Birindelli per la disponibilità e la cortesia mostrate in questa intervista

Condividi