Bonaccini (presidente Emilia-Romagna): «Mi piacevano Conte e Allegri. Su Sarri…»

© foto www.imagephotoagency.it

Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, ha rilasciato un’intervista verso Bologna-Juve

Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport in vista di Bologna-Juve di questa sera. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

TIFO JUVENTINO – «Da quando? Fin da bambino. Pensi che ricordo come fosse ora il ritorno dalla finale di coppa Uefa a Bilbao, che permise alla Juve di vincere la prima coppa europea, ed avevo dieci anni. Mio papà tifa da sempre Juve, anche se in maniera distaccata. Per me il calcio invece è proprio una passione smisurata, tifo Juve ma seguo tutto il calcio, anche internazionale, da sempre. I miei amici mi prendono in giro perché conosco praticamente tutte le squadre e tutti i calciatori dagli Anni ‘70 ad oggi. L’idolo? Michel Platini, decisamente».

CONTE ALLEGRI SARRI – «Mi piacevano tantissimo sia Conte che Allegri, così peraltro diversi tra loro. Il primo per come ha abituato la Juve a comandare il gioco è riportarla dove meritava di stare. Il secondo per la capacità di gestire situazioni complesse e anche saper sdrammatizzare. Purtroppo il bellissimo gioco di Sarri al Napoli, alla Juve ancora non si è visto, speriamo vinca lo scudetto e perché no si possa continuare a sognare la Champions, anche perché saranno i risultati a determinare il suo futuro».

BOLOGNA IN EUROPA O CHAMPIONS ALLA JUVE – «E se facessimo che succedono entrambe?».

Condividi