Brocchi: «Primo tempo perfetto, ci preoccupavano le ripartenze della Juventus U23»

© foto www.imagephotoagency.it

Cristian Brocchi, allenatore del Monza, ha parlato al termine della gara vinta contro la Juventus U23 nel Monday night

(Marco Baridon inviato al Moccagatta) – Cristian Brocchi, allenatore del Monza, ha parlato ai nostri microfoni al termine del Monday night di Serie C tra la formazione lombarda e la Juventus U23. L’ex Milan ha analizzato la prestazione e la vittoria dei suoi ragazzi. LA CRONACA DEL MATCH

LA GARA – «Siamo stati bravi ad iniziare subito forte e ad essere molto aggressivi in avanti andandoli a mettere in difficoltà quando loro volevano muovere la palla. Gli abbiamo messo ansia e pressione nel giocare la palla e abbiamo fatto compiere loro errori tecnici. Siamo stati molto bravi a fare questo. Siamo stati bravi nella gestione palla, come la muovevamo. Primo tempo quasi perfetto. Nel secondo abbiamo mollato perchè il risultato incide, ma non deve succedere perchè poi dopo piccoli episodi possono riaprire la partita. Siamo stati comunque buoni per 90 minuti».

JUVENTUS U23 – «Ci preoccupavano le ripartenze degli offensivi della Juve perchè quando recuperano palla sono molto veloci, sono bravi a verticalizzare appena perdi un pallone. Mota e Lanini hanno una velocità incredibile e questo era il pericolo più grande, l’abbiamo preparata su questo. Sui movimenti in situazione di non possesso abbiamo lavorato in linea con la nostra idea di calcio, sempre aggressivi in avanti e senza particolari cambiamenti rispetto alle altre partite».

UNDER 23 – «Il progetto seconde squadre dà possibilità a dei ragazzi di giocare un campionato sicuramente difficile e aiuterà loro a mentalizzarli nel capire che difficoltà ci sono. La primavera è una cosa e la prima squadra è un’altra, questo progetto farà venire fuori calciatori all’altezza di queste situazioni. Devono lavorare per migliorarsi sempre».

INSIDIE – «Le insidie per noi ci sono tutte le partite e questa è la prima partita contro una squadra che vuole giocare a calcio, un allenatore che prova a proporre calcio. Nelle altre partite abbiamo sempre trovato squadre chiuse. Noi abbiamo una squadra forte ma troveremo sempre squadre che sono stimolate nel lottare con noi».