Connettiti con noi

Esclusive

Cagni: «Koulibaly per Bonucci, così la Juve torna al top» – ESCLUSIVA

Pubblicato

su

Luigi Cagni parla in esclusiva a Juventusnews24 di Koulibaly, Dybala, Bonucci, Chiellini, Allegri e molto altro

Dal possibile colpo Koulibaly all’addio di Dybala passando per le idee tattiche di Allegri per la prossima Juve.

Luigi Cagni, ex allenatore di Serie A e recordman assoluto di presenze in Serie B, parla di tutto questo e molto altro in questa intervista esclusiva concessa a Juventusnews24.

Partiamo dalla stagione terminata circa un mese fa. Per la Juve è stata un’annata da dimenticare o una base per ripartire?

«Dimenticare mai. Se la Juve prende Allegri e gli fa un contratto quadriennale, vuol dire che vuole fare un progetto e che quello che è successo nei due anni precedenti, anche se ha vinto, non è piaciuto. Secondo la società non c’era una base per il futuro per altre tipo di vittorie se non lo scudetto. E la Juventus, secondo me, nel giro di pochi anni vuole vincere la Champions. Lo scudetto è una cosa sempre importante per loro, ma vogliono costruire qualcosa per vincere la Champions e non andarci più solo vicino. Per questo hanno ripreso Allegri» .

Come valuta il ritorno di Allegri sulla panchina bianconera?

«Lui, dopo due anni di sosta, aveva un po’ di ruggine. La squadra era buona, ma non all’altezza dell’Inter secondo me. Poi sono saltati fuori Milan e Napoli per merito dei rispettivi allenatori che hanno tirato fuori il meglio dai loro giocatori. Ma la Juventus secondo me ha fatto un risultato importante alla fine arrivando al quarto posto, riuscendo a quadrare un po’ le cose. E da qui si parte perché non esiste che si vince senza costruire. Basti ricordare che le vittorie della Juventus sono partite da Antonio Conte dopo che si erano cambiati un po’ di allenatori».

Siamo in pieno periodo di calciomercato: in quale reparto ha più necessità di rinforzi la Juve?

«Io dico che se riusciranno ad acquistare i giocatori di cui si parla, sarà di nuovo molto competitiva l’anno prossima. E quindi se la Juve prende Koulibaly fa un colpo incredibile perché avrebbe i due centrali più forti del campionato insieme a Kalulu e Tomori del Milan che mi piacciono molto. Con Koulibaly insieme a De Ligt Farebbe non un passetto, ma un passo enorme. Sarebbe la coppia più forte del campionato. Non è un caso che le squadre vogliano  rinforzarsi dietro. Ripeto: se la Juventus riesce a fare questo colpo, ritorna ad essere importante. Secondo me vale più di tutto il resto».

Anche più del ritorno di Pogba?

«E’ chiaro che anche questo sarebbe un grande colpo, così come Di Maria».

Allegri fa bene a pensare al 4-3-3 come modulo di partenza per la prossima Juve?

«Massimiliano non è uno che si lega ad un modulo, lo ha dimostrato negli anni. Lui decide in base ai giocatori a sua disposizione. E’ un allenatore bravo che ha la conoscenza del calcio. A lui piace il 4-4-2, ma con una squadra di questo tipo il 4-3-3 è l’ideale con due ali importanti e un centravanti forte come Vlahovic che può ricevere cross e fare gol. E soprattutto non ne prendi. Il problema della Juve non è infatti l’attacco, ma il fatto che l’anno scorso ha subito troppe reti. Bisogna partire da lì».

Berardi, Di Maria o Zaniolo: chi sceglie Cagni per la Juve?

«Per quello che è oggi dico Berardi. E’ un giocatore di 28 anni, ha rifiutato anni fa la Juventus perché non era  pronto. Adesso ha dimostrato di essere un esterno tra i più forti in Europa. Ed è cresciuto lui come personalità rispetto a quando non si sentiva pronto. Lui ha già detto sì perché vuole andare via dal Sassuolo. Senza dimenticare quello che ha dimostrato con la Nazionale».

Si parla anche di inserire alcuni giovani in pianta stabile nella rosa della prima squadra: mossa giusta?

«Condivido l’idea di fare la squadra con giocatori di grandissima classe ed esperienza e poi buttare dentro questi ragazzi, vederli in preparazione e poi lavorarci. Non so chi può essere già pronto, perché giocatori come Fagioli vanno visti alla Juventus. Hanno qualità e Allegri e ne ha parlato bene, quindi io penso che li vedrà in ritiro e poi grazie alla sua esperienza capirà se sono adatti alla Juventus. Anche se poi questo si capisce realmente solo quando giocano».

La prossima Juve non avrà Chiellini: quanto peserà la sua assenza?

«Al di là di Chiellini che come tutti si invecchia, secondo me quello che non ha reso secondo le sue possibilità è Bonucci. Ho visto un giocatore imborghesito e convinto che solo a parlare riesce a fare le cose. Secondo me se la Juve prende Koulibaly, lui non gioca. Io sono certo che Massimiliano vorrebbe lui o comunque un altro centrale forte da prendere sul mercato, da qualche parte».

Dybala andrà via dalla Juve e sembra possa accasarsi all’Inter: come valuta questa possibilità?

«Io ho sempre detto che Dybala è uno dei giocatori più forti al mondo, ma non ha la personalità del grande giocatore. Non c’è niente da fare. Gioca 15-20 partite l’anno e ne vince 7-8 da solo, ma mai contro Milan, Inter o Napoli, ma contro squadre da metà classifica in giù. Poi ha sempre qualche problema fisico. Per me la Juve ha fatto bene a liberarsene. E l’Inter farebbe bene a prenderlo, anche se ne ha altri giocatori in quel ruolo. Inzaghi saprebbe gestire una squadra così, altrimenti non farebbe l’allenatore. E’ chiaro che serve la società che lo sostenga, ma soprattutto i risultati».

Si ringrazia Luigi Cagni per la cortesia e la disponibilità mostrate in occasioned i questa intervista