Caputo e quel retroscena: «Juve? Dopo i due gol abbiamo pensato una sola cosa»

© foto www.imagephotoagency.it

Francesco Caputo, attaccante del Sassuolo, è tornato a parlare del pareggio per 3-3 ottenuto contro la Juve

L’attaccante del Sassuolo, Francesco Caputo, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport, tornando a parlare del 3-3 contro la Juve. Le sue dichiarazioni.

JUVE – «Credo che dopo due gol presi in diciotto minuti tutti abbiano pensato una sola cosa: ‘Vabbé, partita finita’. Invece no. Con noi le partite non finiscono mai. Abbiamo raggiunto un livello mentale potente. È successo contro la Lazio, col Verona e l’Inter, ultimamente. Vuol dire autostima, sicuramente».

COSA RIMANE DEL 3-3 – «La prestazione e la reazione da squadra che abbiamo avuto. E potevamo, due volte, arrivare a fare anche il quarto gol. Prima ho letto una statistica: era dal 2014 che il portiere della Juve non faceva così tante parate in una gara».

Condividi