Carnevale bianconero: la risata è d’obbligo

andrea fortunato
© foto www.imagephotoagency.it

Febbraio vuol dire Carnevale. Dopo il grigio e freddo mese di gennaio, febbraio ci regala aria già primaverile e, soprattutto, un sano periodo di svago e divertimento. Come tradizione vuole

Qualunque sia la nostra indole, il pensiero del Carnevale ci riporta all’infanzia, alla golden age di scherzi, mascherate, carri e stelle filanti. L’automatismo mentale è indubbio: il Carnevale significa per tutti pausa dalla quotidianità, periodo di giochi, di travestimenti, di baldoria consentita. Almeno una volta all’anno possiamo fingere di essere qualcun altro e dare libero sfogo alla fantasia e alla voglia di divertimento. Dimenticando – forse – gli affanni di tutti i giorni.

Gli amici juventini, poi, quest’anno hanno qualche ragione in più per ridere e per festeggiare. Lasciando da parte scaramanzie e timori, che non portano affatto bene, l’imperativo è aprirsi alle emozioni che ci sta regalando la Juventus e godersi un grande Carnevale. Si vive il momento e magari, vista l’imminente sfida di Champions, lo si vive brindando con un bel bicchiere di “porto“. Pensando positivo e voltando le spalle a paranoie e problemi. Questo è lo spirito del Carnevale.

Del resto, ce lo insegna la storia. Il Carnevale moderno, con tutte le sue sfaccettature, non è che la rivisitazione dei Baccanali dell’antica Roma, le feste in onore del dio Bacco, quintessenza dell’allegria sfrenata. Durante i Baccanali la gente, allegra e ubriaca, si riversava nelle strade, danzava e amoreggiava liberamente, con la complicità del vino in corpo e delle maschere sul viso. Festa del riso e dell’oblio per eccellenza, celebrazione del mondo alla rovescia e della sospensione del giudizio, ma pur sempre festa religiosa in onore di un dio. Con l’affermazione del cristianesimo, questa festa ha perso il suo carattere sacro e rituale, per divenire solo più una forma di divertimento popolare. Concessa, ma solo fino alla Quaresima, quando comincia il periodo del digiuno e della penitenza. Sembra proprio che il suo nome alluda a questo fatto: “carnem vale!” ossia “addio, carne”: l’ultimo saluto alle succulente pietanze di origine animale, prima dei fatidici quaranta giorni di astinenza.

Cavalcando secoli e alterne vicende, il Carnevale è giunto fino a noi, con tutte le sue tradizioni ricche di storia e di leggenda. Ogni paese, ogni città, ogni Carnevale ha i suoi costumi e personaggi caratteristici, i suoi riti e rituali, gli irrinunciabili cibi, anche il suo calendario. E il bello del Carnevale è che, a qualunque latitudine, la parola d’ordine è sempre una: DIVERTIMENTO. Ogni scherzo vale, ci si maschera, ci si traveste, si mangia a crepapelle, si cerca di ridere e dimenticare, forse per scongiurare le paure. Per dare libero sfogo agli istinti e alla creatività.

E allora che buon Carnevale sia, amici juventini, con tante stelle filanti… bianconere!

“Nutre la mente soltanto ciò che la rallegra.” (Sant’Agostino)

Articolo precedente
marotta agnelli paraticiJuve, inizia la fase decisiva della stagione
Prossimo articolo
tavecchio-abodiFigc, senza riforme si passa agli escamotage