Chiellini e Aluko insieme per Common Goal: il progetto – VIDEO

chiellini-aluko
Twitter

Chiellini e Aluko insieme per un progetto di beneficenza, Common Goal Org. Ecco in cosa consiste l’iniziativa

Eniola Aluko e Giorgio Chiellini insieme per Common Goal Org. I due giocatori bianconero, rispettivamente della Juventus Women e di quella maschile, si sono uniti per un progetto di beneficenza.

Attraverso il progetto Common Goal, Giorgio ed Eniola hanno scelto di ridurre il loro stipendio dell’1% per contrastare vari problemi sociali.

«Mi piace molto il motto che dice che una buona persona è un buon giocatore. Credo che si debba sempre lavorare duro e con umiltà. Tutte queste caratteristiche rendono una persona migliore, oltre che una buona compagna di squadra. Ho sempre voluto far parte di una squadra, di un team: per questo, l’idea della filantropia collettiva, e quindi di un movimento come Common Goal, mi piace molto. Se si è un grande team, insieme si possono fare grandi cose per il mondo. Gli obiettivi che mi appassionano? Quelli legati al tema dell’acqua, e l’uguaglianza di genere fra uomo e donna; credo che il potere del calcio sia incredibile: i calciatori sono personaggi famosi, con tanti followers, un grande seguito, e possono influenzare le persone. Non dobbiamo perdere le opportunità di cambiare davvero qualcosa» ha dichiarato l’attaccante bianconera.

Giorgio Chiellini ha replicato: «Andando avanti con gli anni, ci accorgiamo che possiamo essere un modello per i giovani. Una sola parola da parte nostra può influenzare tante persone nelle loro vite: dobbiamo capire che siamo importanti, che siamo idoli, e che quello che facciamo impatta sulle nuove generazioni. Il nostro aiuto attraverso realtà come Common Goal è una piccola cosa, in rapporto ai grandi problemi, ma per esempio può aiutare a sensibilizzare le nuove generazioni su quello di cui il mondo ha bisogno, per creare un movimento sempre più grande in futuro. Ho visto da subito che in Common Goal c’era una bella possibilità di crescita, e infatti il movimento si sta ampliando: non è facile, ma dobbiamo aumentare i nostri obiettivi»