Cobolli Gigli attacca: «È inaccettabile che la Juve non abbia ancora un gioco»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Giovanni Cobolli Gigli, ex presidente della Juve, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul momento attuale vissuto dai bianconeri

Ai microfoni di Radio Sportiva, Giovanni Cobolli Gigli ha toccato alcune tematiche d’attualità in casa Juve. Queste le parole dell’ex presidente bianconero.

CRISTIANO RONALDO«Prendendo Ronaldo la Juve ha un po’ rinunciato al gioco di squadra per puntare su un solista: Allegri ce l’ha fatta, Sarri invece ancora non ci è riuscito anche se Ronaldo prima della sosta forzata giocava. Ci aveva lasciato tre mesi fa con una lunga serie di gol, ma allora giocava più avanti rispetto al tic toc che ho visto con Milan e Napoli. Per lui può essere un problema fisico, ma è inaccettabile che la Juventus non abbia ancora un gioco».

SARRI«Sono convinto che andrà avanti e la società cercherà di stringersi a coorte: se riuscisse a vincere il campionato e arrivasse in fondo alla Champions League dovrebbe esser riconfermato, altrimenti si dovrebbero lasciare da buoni amici».

Condividi