Colantuono: «Il tridente dipende dall’equilibrio, devono sacrificarsi»

Iscriviti
di natale udinese
© foto www.imagephotoagency.it

Stefano Colantuono, ex allenatore tra le altre dell’Udinese, ha rilasciato alcune dichiarazioni parlando anche di Juve

Stefano Colantuono, ex allenatore dell’Udinese, ha parlato a TMW Radio durante la trasmissione Stadio Aperto, su alcune tematiche riguardanti la Juve. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

JUVE E ATALANTA IN CHAMPIONS«Non devono già vedersi al prossimo turno. Le squadre sono tutte di livello, devi avere un occhio di riguardo. Ma sono squadre alla portata. Il Valencia è un avversario che l’Atalanta può superare. Non deve ritenersi fortunata, perché la sorpresa è sempre dietro l’angolo. Dovrà fare l’Atalanta per superare il turno. I bergamaschi saranno la mina vagante. L’Atalanta è partita con il progetto Percassi con le idee chiare, ossia il ritorno immediato in A e il consolidamento della categoria. Nonostante le penalizzazioni, ci siamo salvati e dato continuità. Con Gasperini è cambiato il mondo, si è alzata l’asticella. Ormai va considerata come una grande, non è più una provinciale».

TRIDENTE – «Non tutti e tre stavano bene, poi è dipeso molto dall’equilibrio il loro utilizzo. Un po’ devono sacrificarsi, anche se sei la Juve e giochi sempre avanti. Questo atteggiamento tattico si può avere con squadre inferiori, si dovrà vedere se sarà possibile con altri avversari di diversa caratura. Ma dipenderà da quanto vorranno sacrificarsi».

Condividi