Connettiti con noi

Hanno Detto

Condò: «Juve in ricostruzione. Kean? Ha una grossa chance»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Paolo Condò è intervenuto a Sky Sport dopo la vittoria della Juve contro il Malmoe e il primato nel girone di Champions

Paolo Condò, a Sky Sport, ha commentato la pretazione della Juve dopo la vittoria contro il Malmoe e il primato nel girone di Champions.

ZENIT CHELSEA – «la juve è la principale beneficiata da questo risultato. Ma anche l’inter si vede togliere una squadra forte dall’urna. Adesso nell’urna per l’inter ci sono tre squadre molto molto dure ome liverpool, city e bayer e tre squadre con cui possono giocare. Lo united che è alla portata, l’ajax e la vincitrice del gruppo G»

KEAN «Il tragitto che ha fatto kean è uno slalom con paletti strettissimi e cambi di direzione continua. Lui ha fatto molto bene nelle nazionali giovanili ed è arrivato alla juve facendo bene. Non ho capito molto che lo abbia venduto all’everton dove non gioca mai, squadra senza campioni. Viene dato in prestito al psg dove gioca tantissimo, segna, fa una stagione bellissima. Mi aspettavo che fosse un punto fermo della nazionale di mancin, ma sparisce. C’è qualcosa di strano che non sappiamo. Ricordiamo quando fu escluso con zaniolo. Quando parla.è perfetto, è un libro stampato. Alla juve ha una grossa chance. Il gol di oggi al 75% è di bernardeschi. Ha sbagliato alcuni palloni kean, ma era sempre li».

ALLEGRI – «Gestione della comunicazione perfetta. Quando la squadra giocava male e non otteneva risultati, si congratulava per la qualificazione. Stasera che ha raggiunto il traguardo strepitoso, è il classico lavorare in controtendenza».

STAGIONE – «La Juve ha avviato una ricostruzione. in un club come la juve non si può vivere un anno di transizione che vorrebbe dire annata perduta. se al termina di questa stagione avrai scoperto che ci saranno 15 giocatori centrali della juve nel prossimo ciclo, allora sarà positiva anche se dovesse arrivare quinta. io continu a vedere centrali dybala e chiesa, per morata ho dei dubbi. un giocatore che pensavo fosse l’uscita e che invece allegri sta recuperando è bernardeschi. c’è de ligt in difesa, locatelli. è una stagione che parte dalla scelta di non conservare cristiano ronaldo che avremmo garantito una posizione migliore in campionato. i livelli contributivi di ronaldo se li poteva permettere se pensavi di competere in champions, ma così non è».