Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Allegri post Juve Fiorentina: le dichiarazioni

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Conferenza stampa Allegri post Juve-Fiorentina: le dichiarazioni del tecnico bianconero dopo la partita dello Stadium

(inviato all’Allianz Stadium) – Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa dopo Juve-Fiorentina.

BILANCIO«Il bilancio è positivo, questa vittoria ci rende felici ma anche più arrabbiati per quello che abbiamo perso finora per strada».

RABIOT – «Ha fatto una buona prova rispetto alle ultime che aveva giocato. Bernardeschi ha giocato tante partite ultimamente e mi serviva un giocatore con le caratteristiche di Rabiot questa sera».

LOCATELLI-MCKENNIE – «In questo momento McKennie sta bene fisicamente e sta facendo molto bene. Sta dando anche un po’ di respiro a Bentancur che in allenamento sta migliorando tanto. Locatelli non sta accusando la fatica e il salto dal Sassuolo alla Juve. Ma vorrei sottolineare anche la prova di Rugani che non giocava titolare da due anni, oltre Pellegrini e Perin che si sono fatti trovare pronti».

PASSO INDIETRO NEL GIOCO – «Abbiamo giocato contro un’ottima e bella Fiorentina, allenata da un bravissimo allenatore come Italiano che fa giocare bene la squadra. Non era assolutamente facile questa sera. Abbiamo sbagliato nell’ultimo passaggio, però nella ripresa abbiamo tirato di più in porta prendendo anche una traversa con Chiesa. Con Morata ci sono state alcune situazioni pericolose sul filo del fuorigioco. Abbiamo vinto tanti contrasti e giocato con grade determinazione: questo ha fatto la differenza alla fine».

BOLLINO ROSSO«Tutte le nostre partite sono da bollino rosso visto il rendimento finora in campionato. Dopo la sosta dovremo essere pronti per ripartire al meglio visto che incontriamo anche squadre importanti come Lazio e Atalanta».

INFORTUNATI «Kean rientra dopo la sosta. Chiellini ha accusato un risentimento all’adduttore e precauzionalmente non lo abbiamo rischiato. Bonucci aveva un affaticamento e già a Verona doveva restare fuori. Alex Sandro prima di questa partita aveva un dolore all’adduttore e non poteva continuare. Szczesny ieri nella rifinitura è cascato su una palla e aveva dolore al costato, non poteva più stirarsi e quindi parare».

VLAHOVIC-DE LIGT«E’ stato un bellissimo confronto fisico. Vlahovic è un centravanti importante, ma anche de Ligt è un difensore di spessore. Con Rugani gli hanno reso la vista difficile».

PUNTI PERSI – «Credo che abbiamo lasciato minimo sette punti finora in campionato. Questo ci deve rendere più arrabbiati per quello che abbiamo perso. Una squadra che vuole vincere deve passare da questo tipo di partite, solo così si diventa una grande squadra».