Allegri: «Dybala gioca. Ronaldo è un’arma in più»

© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, alla vigilia del match di Champions League tra bianconeri ed Atletico

La consueta conferenza stampa del tecnico bianconero Massimiliano Allegri alla vigilia del match di Champions League si tiene alle ore 18.45 al Wanda Metropolitano. L’ottavo di finale di anfata contro l’Atletico Madrid si giocherà mercoledì 20 febbraio, con fischio d’inizio alle ore 21.00. Il tecnico livornese presenta così la sfida a poche ore dalla super sfida tra spunti e indicazioni di formazione.

L’IMPORTANZA DEL MATCH – «Innanzitutto Khedira non è convocato, è rimasto a Torino per accertamenti. Domani gioca Dybala. Non è una partita come le altre, è un ottavo di finale di Champions League: per la Juventus la Champions è un obiettivo come tutti gli altri anni. Negli ultimi quattro anni la Juve ha fatto due finale e giocato Champions importanti. Domani si affronta una squadra che negli ultimi cinque anni ha fatto due finali di Champions e vinto una Europa League. L’Atletico è una squadra difensiva, bisogna fare i complimenti a Simeone per come prepara e ha preparato la squadra».

LA CONDIZIONE DELLA SQUADRA – «La squadra sta bene fisicamente ed è in crescita e si è visto con il Parma. Abbiamo avuto difficoltà fra Jeddah e Bologna. La squadra è in crescita psicologicamente, tecnicamente e fisicamente. Dobbiamo ancora crescere perché ora entriamo nel periodo in cui ci si gioca i trofei».

GLI AVVERSARI – «Affrontiamo una squadra che fa della compattezza la base di gioco. Sanno sfruttare bene le palle inattive, ci sarà grande equilibrio».

RONALDO – «Per noi averlo è chiaramente un vantaggio. Lui e Messi sono stati in questi anni i migliori giocatori del mondo e i capocannonieri della Champions. Sicuramente ci dà una spinta in più, ma non si vince in automatico».

SIMEONE – «Ha dato grande mentalità alla sua squadra. Vanno fatti grandi complimenti a Simeone: la squadra ha una modalità di gioco ben definita che non modificare a seconda della partita».

MORATA – «La sua mentalità la conosco bene. Fortissimo in gara secca ma finora con poca continuità. Resta comunque un giocatore importante».

LA PARTITA – «Noi domani dobbiamo comandare la partita ma con grande attenzione alle loro ripartenze. Non firmo per il pareggio. Ho chiesto una cosa alla squadra: fare gol. Se possibile anche due».

PREPARAZIONE DELL’INCONTRO – «L’Atletico ha delle caratteristiche ben definite: si conoscono bene e non cambiano a seconda degli uomini».

DYBALA – «Ha segnato ma ha fatto una prestazione inferiore rispetto ad altre partite. Col Frosinone abbiamo vinto 3-0, ma abbiamo avuto meno occasioni rispetto al Parma. Credo che domani Paulo possa darci un grande aiuto. C’è bisogno di tecnica e di giocate e se ha una condizione importante è giusto che giochi».

KHEDIRA – «Non averlo è un peccato perché è un giocatore di livello internazionale. Ci sono altri centrocampisti e giocheranno loro. Sulle sue condizioni a breve uscirà un comunicato della Juve».

CONTRATTO – «Il futuro di Allegri a poche ore dalla partita non è un problema. Io sto bene qui e dobbiamo pensare ai nostri obiettivi: la Champions League ma anche il campionato che ancora non è chiuso. Da domani a Napoli abbiamo giorni importanti».