Allegri: «Vediamo di non addormentarci! Favorita in Champions? L’anno scorso…»

massimiliano allegri
© foto Massimo Pinca

Il tecnico livornese parla alla vigilia del match di Champions contro il Valencia. Le parole di Massimiliano Allegri

Appena il tempo di archiviare la positiva sfida con la Spal e la Juventus deve già pensare a rimettersi in corsa in Champions. Massimiliano Allegri parla in conferenza stampa alla vigilia del match dello Stadium contro il Valencia, utile per staccare il pass per gli ottavi di finale con un turno di anticipo.

MOMENTO – Mancano ancora tante partite alla fine del campionato. Abbiamo ancora scontri diretti con l’Inter e la Roma, c’è ancora la Fiorentina e la Samp prima della fine dell’anno. I campionato sono sempre aperti. In Champions dobbiamo fare un passo alla volta. Dobbiamo qualificarci domani, incontriamo una squadra che in dieci partite ha perso una volta, non sono gli stessi che abbiamo incontrato all’andata. Domani non dobbiamo addormentarci gli ultimi minuti come abbiamo fatto negli ultimi cinque minuti contro lo United.

PALLE DA FERMO – Sabato abbiamo fatto gol. In fase difensiva ci abbiamo lavorato molto… Col Manchester ci è capitato di prendere gol.

DYBALA – Mi aspetto che giochi una buona partita. In contropiede dobbiamo andare veloci e ci stiamo lavorando. La precisione che abbiamo nei passaggi ci permetterà di migliorare ancora.

VIALLI – Faccio un grosso in bocca al lupo a Gianluca. Ha mandato un messaggio straordinario e sta dimostrando di essere un combattente. Ci sono partite più difficili da giocare contro avversari che è quel male brutto. Ha avuto gran coraggio a parlarne.

DIFESA – De Sciglio ha preso una botta ed è in dubbio. Se non viene in panchina mi porto tutti i centrali. Ma non è che se uno va in tribuna è una cosa brutta. Rugani è uno dei migliori difensori d’Italia e non solo.

NETO – Periodo difficile per lui alla Juve? Aveva davanti il più grande portiere della storia del calcio. Lui da noi ha giocato tante partite e ha fatto anche delle finali di Coppa Italia. Io sono stato molto contento di lui e ora sta facendo bene al Valencia.

FORMAZIONE – Giochiamo col 4-3 e poi vediamo di fare un po’ di casino. Rientrano Chiellini e Matuidi. Lasciare in panchina i vari Douglas Costa, Cuadrado e Rugani non è facile perché stanno tutti bene. Cuadrado sta imparando a fare anche il mediano destro. Tra un po’ rientreranno tutti e tutti dovremo metterci a disposizione.

PREOCCUPAZIONE – Non sono preoccupato ma ci vuole rispetto. Nelle ultime dieci ne hanno persa solo una. Se vincono tengono aperto il passaggio del turno. Domani è una partita da vincere.

CRISI BAYERN E REAL – La Champions è una competizione a parte. Il Real Madrid l’anno scorso era messo peggio e in Champions viaggiava come sta viaggiando ora. Le squadre devono essere pronte a marzo. Ora non conta niente, conta marzo. Lì bisogna giocarsi gli ottavi e il campionato. Ora dobbiamo fare un pezzetto per volta.

ATTACCO – Davanti abbiamo un disordine che a me piace molto perché toglie punti di riferimento agli avversari.

SPAL – Abbiamo creato tanto e sbagliato altrettanto. Ma siamo sulla buona strada.

BARCELLONA – Le valutazioni non vanno fatte solo ad oggi. L’anno scorso dissi che il Real era favorita per la Champions. È facile dire ora Manchester City e Juventus. La favorita numero uno è il Barcellona. Dietro ci siamo noi e altre due squadre. Quest’anno è arrivato Cristiano Ronaldo ma l’ambizione è la stessa degli anni scorsi. Secondo me la favorita è il Barcellona, ma quest’anno spero di sbagliarmi.

VALENCIA – Mi aspetto che vogliano vincere perché è l’unico risultato che hanno a disposizione. Loro ora sono in fiducia e quindi giocano meglio rispetto alla gara di andata. Domenica hanno fatto una bella partita e hanno dei valori nei singoli giocatori. E in difesa concedono poco.

RONALDO – Voglio che giochi come sta giocando sia in versione assistman sia goleador. Sta facendo grandi cose.

Articolo precedente
Cancelo: «Per me sarà una partita speciale. Io il migliore? Chiedete ad Allegri»
Prossimo articolo
allegriAllegri: «De Sciglio ha preso una botta, domani bisogna vincere»