Connettiti con noi

News

Conferenza stampa Pirlo post Juve-Bologna: le parole dell’allenatore

Pubblicato

su

Conferenza stampa Pirlo post Juve-Bologna: le parole del tecnico dopo la sfida valida per la 19esima giornata di Serie A

(inviato all’Allianz Stadium) – Andrea Pirlo ha parlato in conferenza stampa dopo la partita tra la sua Juve e il Bologna. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.


INTENSITA’ – «Volevamo dare un’impronta aggressiva e propositiva fin dal primo minuto. Peccato non aver chiuso la partita nel primo tempo viste le tante occasioni avute».

COME NON SOFFRIRE – «Per non soffrire bisogna fare gol, bisogna essere più freddi, lucidi. Le partite restano in bilico se non le chiudi».

DE LIGT – «Siamo contenti del suo rientro, così come per quello di Cuadrado, due giocatori importanti come lo è Alex Sandro. I loro ritorni in campo saranno importanti per far rifiatare chi ha tirato la carretta fino a questo momento. Clean sheet? Importante non prendere gol perché ci dà autostima».

RONALDO E KULUSEVSKI – «Sono due giocatori diversi ma si trovano bene. Sono bravi sia a venire incontro e sia ad attaccare la profondità».

ARTHUR E DYBALA – «Ha fatto un’altra grande partita. Sta bene dopo la botta con l’Atalanta, ha caratteristiche che gli altri centrocampisti non hanno. Dybala si sta allenando, sta cercando di migliorare. Vedremo giorno dopo giorno le sue condizioni».

SCUDETTO – «Il campionato è aperto a tante squadre, non è facile avere lucidità giocando ogni 3 giorni. Noi possiamo migliorare tanto, abbiamo giocatori che han giocato poco per tanti infortuni quindi la possibilità di crescere è ampia».

KULUSEVSKI PER MORATA – «È stata una scelta tecnica, visto che sapevamo che il Bologna veniva a prenderci alti».

BONUCCI «Ha preso una ginocchiata sul muscolo, l’abbiamo fatto uscire per evitare problemi».

MERCATO «Non cerchiamo un attaccante, non è una nostra priorità».

CLASSIFICA – «Abbiamo voglia di accorciare. Dobbiamo pensare però solo a noi stessi e al nostro cammino».

MANDZUKIC – «Me lo aspettavo perché è normale abbiano voglia di mettere peso con giocatori importanti. Mandzukic non lo conosco personalmente, ma sono sicuro che farà vedere il suo potenziale al Milan».

INTER E MILAN CHI FA PIU’ PAURA – «Sono due squadre importanti che vogliono vincere come noi. Sarà un campionato avvincente e potremo lottare fino alla fine con queste squadre».

DIFESA A 3 – «Da inizio campionato non li abbiamo ancora avuti tutti a disposizione, per cui non hanno ancora ruotato. Non è un’opzione che abbiamo ancora provato, potrà capitare in certe partite durante la gara».

Continua a leggere
Advertisement