Conferenza stampa Sarri post Fiorentina-Juve: le parole del tecnico

© foto www.imagephotoagency.it

Conferenza stampa Sarri post Fiorentina-Juve: il tecnico bianconero parla della prestazione della squadra al termine del match

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, parla in conferenza stampa al termine del match di campionato tra i bianconeri e la Fiorentina finito 0-0.

LA GARA«Abbiamo fatto una partita sofferta per 2mila motivi. La sensazione di mancanza di brillantezza da un punto di vista fisico può succedere visto il caldo. Poi i cambi obbligati senza poter cambiare nella ripresa è un handicap non indifferente. Se si parla di cinismo abbiamo sbagliato un gol enorme nel finale. Io fondamentalmente avrei ritenuto ingiusto vincere la partita. Siamo riusciti a uscirne fuori con carattere ma senza qualità».

NAPOLI«Col Napoli si giocava a 20 gradi oggi a 34. Le condizioni sono diverse e poi la Fiorentina ci veniva a prendere alta rendendoci la vita difficile. Ci siamo impauriti con un paio di uscite errate e lì abbiamo trovato mentalmente più difficoltà a uscire puliti».

ATLETICO MADRID«È una fase della stagione in cui i cambi sono repentini sia in positivo che negativo. Vediamo chi recupereremo, poi giocare a temperature più basse ci favorirà. Abbiamo lavorato molto durante la sosta e questo l’abbiamo pagato. Un pizzico di brillantezza in più la troveremo in Spagna».

MAGLIE «Io su queste cose ho le mie idee che vanno contro il marketing. Per me il rispetto della tradizione delle maglie è sacro. Non so se poi vado contro il marketing perché la maglia più venduta è quella del Manchester United, che è la stessa da decenni».

EMOZIONE«L’emozione diversa è aver pareggiato anziché perso alla prima. È vero che non ho fatto panchina ma mi ci sentivo pur non essendoci fisicamente. Giocare a Firenze per me è particolare anche se mi ricordo solo uno scudetto perso col Napoli. Spero di vincere una partita secca a Firenze per farmi tornare in mente tutti i ricordi positivi di Firenze e della Fiorentina».

INFORTUNIO«La sensazione è che Douglas abbia un problema superiore rispetto a Pjanic che ha preso un colpo in settimana. Quello di Danilo penso che sia semplicemente un crampo. Danilo recuperabile, Pjanic da valutare e Douglas out per l’Atletico».