Conferenza stampa Sarri post Juve Atalanta: le parole del tecnico

© foto www.imagephotoagency.it

Conferenza stampa Sarri post Juve Atalanta: il tecnico bianconero parla della prestazione della squadra al termine del match

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, parla in conferenza stampa al termine del match di campionato tra i bianconeri e Atalanta.

PUNTO PER LA CLASSIFICA – E’ un punto importante, preso contro una delle squadre più in forma d’Europa. Dal punto di vista fisico era più brillante di noi, a livello di tenuta abbiamo fatto bene, mi è sembrato che nel secondo tempo avessimo qualcosa in più noi. Se considerate che siamo andati due volte in svantaggio abbiamo conquistato un ottimo pareggio”.

DIFESA PIU’ BASSA – «Sono venuti fuori due gol da due giocatori che sono pericolosissimi. Sulle riconquiste alte l’Atalanta ti fa male, nel primo tempo abbiamo difeso un po’ troppo bassi, nel secondo no. Abbiamo preso il 2-1 in uno dei nostri momenti migliori, quando loro da trentacinque minuti non ci stava più creando problemi. Penso sia solo una questione di atteggiamento, prendere alta l’Atalanta non è mai semplice».

SCUDETTO – «Sappiamo che dobbiamo fare undici punti, il resto sono probabilità e non ci interessano».

RIPRESA POST COVID – «E’ un momento difficile per tutti, a parte l’Atalanta. Ma è normale, anche stasera l’umidità era pesante e le energie mentali e fisiche vanno via. In questo momento giocare ogni tre-quattro giorni è complicato, ma vale per tutti. Dobbiamo adeguarci in questa situazione nuova, non è semplice. A parte le prime due partite che erano diverse, abbiamo giocato tante partite. Stasera sembravamo poco brillanti dopo il primo tempo, nel secondo eravamo a buon livello. Ci dobbiamo abituare, è complesso per tutti».

MIGLIORAMENTI – «In questo momento dobbiamo pensare al campionato, la Champions è lontana. Dobbiamo pensare all’obiettivo in maniera forte e feroce. Abbiamo chiaramente dei margini di miglioramento, stiamo alternando momenti di solidità e momenti in cui prendiamo più reti: è una questione di atteggiamento. Possiamo comunque migliorare molto sull’equilibrio».

CAMBI PROSSIME GARE – «Bisogna avere l’opportunità di cambiare. Abbiamo passato un periodo in cui avevamo tanti fuori, quindi a livello di rotazione non potevamo fare niente. Alcuni pian piano stanno cominciando ad allenarsi con noi ma non hanno ancora i novanta minuti. Spero di averli presto, penso siamo ormai vicini. Stasera abbiamo tenuto fuori Pjanic perché aveva un adduttore affaticato e non abbiamo voluto rischiare l’infortunio muscolare».

PJANIC – «Ho parlato con il medico, io ne ho preso atto. Lo avrei inserito solo in casi di estrema necessità, non ho voluto rischiarlo perché abbiamo sei partite decisive».

DYBALA «Mi sembrava la partita difficile per le sue caratteristiche, questi avversari te lo concedono poco perché ti prendono la palla e portano via di peso. Gonzalo poteva darci negli ultimi minuti di giocare di sponda e allora abbiamo deciso di puntare su di lui».

Condividi