Conferenza stampa Sarri: «Contro la Sampdoria serve una gara di livello»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

La Juventus domani affronterà la Sampdoria: ecco le parole di Maurizio Sarri alla vigilia della sfida di Serie A

La Juve affronta una settimana piena di impegni: dopo l’ultima gara del 2019 all’Allianz Stadium, i bianconeri tornano in campo a Genova, contro la Sampdoria nell’anticipo della 17ª giornata di campionato.

TRIDENTE CONTRO LA SAMPDORIA«Tridente con Douglas Costa? Non lo so, voglio vedere le condizioni dei giocatori. Ieri abbiamo fatto defaticante per chi ha giocato, voglio vedere almeno un allenamento per valutare le condizioni dei nostri prima che le caratteristiche della Sampdoria. In questo momento non lo so».

LAZIO HELLAS VERONA«Mi dicono sempre che sono uno che si lamenta, va bene così. Giochiamo domani. Se c’è un errore c’è a monte, quello di far giocare la Lazio di lunedì, se avesse giocato sabato o domenica avrebbe potuto giocare domani. Le scelte sono queste, andiamo avanti».

BUFFON«Probabilmente giocherà ma ancora non lo so. Szczesny ha una piccola elongazione, ieri aveva ancora un minimo di dolore, vediamo un attimo oggi. Qualcosina nella risonanza c’è».

JUVENTUS «L’impressione è di una società presente, forte, con grandissima mentalità e voglia di vincere. È una spinta continua a dare il meglio, ma non per pressione ma per esempio. Il presidente è uno che è sempre sul pezzo, è un esempio positivo di abnegazione e volontà di far bene e vincere. Questo è un qualcosa che quando ci vivi dentro lo trasmetti».

ATTACCANTI«Ieri l’allenamento non era per valutare le condizioni dei giocatori. In linea generale stanno bene lì davanti, si stanno reinserendo Douglas Costa e Ramsey. Valutiamo il tutto oggi parlando anche con i dottori e i diretti interessati. Le sensazioni alla fine vanno rispettate. Vediamo oggi durante l’allenamento».

RABIOT E MATUIDI «È in crescita, ha bisogno di giocare. Se ha recuperato pienamente penso possa giocare. Si sta chiedendo un sacrificio a Matuidi che spende tantissimo. L’ideale nella sua gestione è fargli fare uno spezzone dopo qualche gara consecutiva. In questo momento c’è bisogno di sacrificarsi. Vediamo come stanno».

SCHEMA TATTICO «Al di là degli interpreti il modulo che stiamo usando in questo periodo è dispendioso per centrocampisti. Difficile sostenerlo per 90 minuti perché gli spazi da coprire per i due interni sono abbastanza ampi. Non è un discorso di sostenere i tre giocatori offensivi, è un discorso di sostenere proprio il modulo. Finché riusciamo a restare alti e recuperare palla alta riusciamo a sostenere il modulo, per 90 minuti è più difficile».

LIONE«Mi interessa zero in questo momento. È una partita che giocheremo tra 70 giorni, nel mezzo ci sono una quindicina di partite e il mercato. Le valutazioni lasciano il tempo che trovano in questo momento. Troveremo una situazione diversa da quella attuale. La grande paura era il Real Madrid, tutto il resto ci poteva andar bene. Rivalutiamo a febbraio. Comunque un ottavo di Champions è sempre difficile indipendentemente dall’avversario».

RAZZISMO«È giusto sensibilizzare anche se il mondo del calcio è sensibile di suo. A livello di addetti ai lavori è di grande sensibilità ma è giusto rivolgersi all’opinione pubblica. Delle singole polemiche non mi interessa niente».

SAMPDORIA «La partita è difficile, loro vengono da un periodo brutto dal quale si stanno risollevando. Hanno entusiasmo dopo il derby, sappiamo quanto sia importante. Troveremo una squadra che ha ritrovato entusiasmo e fiducia, si stanno tirando fuori dalle situazioni di classifica critiche. Partita difficile, le squadre di Ranieri sono sempre difficili da affrontare, è un allenatore di grande livello. Bisogna ripetere una prestazione di grande livello se vogliamo portare a casa punti».

JUVE CON TRIDENTE «Quando ci sono questi 3 giocatori è importante difendere molto alti, dare continuità all’azione offensiva. Grande attenzione alle distribuzioni quando abbiamo il possesso palla e grande predisposizione all’attacco. Se stiamo altissimi e giochiamo noi è una soluzione che ci può pagare ma quando siamo costretti ad abbassarci può creare problemi».

Condividi