Cristiano Ronaldo-Mbappè “tampering” stile NBA: i casi nel calcio

© foto www.imagephotoagency.it

Cristiano Ronaldo ha scherzato con Mbappè e i tifosi sognano subito un De Ligt big. Il “tampering” stile NBA adattato al calcio

Il colloquio tra Cristiano Ronaldo e Kylian Mbappè nell’intervallo di Francia-Portogallo ha acceso la fantasia dei tifosi della Juventus che sognano un De Ligt bis. Kylian Mbappè ha sempre dichiarato di considerare Cristiano Ronaldo come uno dei suoi idoli calcistici: la chiacchierata di ieri sera ha svelato un lato ancora sognante di un calcio sempre più dominato dai milioni degli sponsor e dei diritti TV, come è giusto che sia per portare avanti tutto il carrozzone del football europeo e mondiale.

In molti hanno visto nella chiacchierata tra i due calciatori un tentativo di approccio da parte di Ronaldo per portare Mbappè alla Juve. In NBA l’accaduto sarebbe finito sotto la definizione di “tampering”, ovvero tutte quelle dichiarazioni da parte di cestisti riguardanti giocatori di altre squadre, esaltandoli e cercando di convincerli ad unirsi alla propria. Esemplare il caso Lebron James-Anthony Davis, freschi vincitori del titolo NBA con i Los Angeles Lakers contro Miami (serie finita 4-2). Il quattro volte MVP delle Finals dichiarò pubblicamente di voler portare ad Hollywood il Monociglio. Dichiarazione che non fu ben vista dalla NBA in quanto secondo le regole dell’associazione è vietato. Ecco i casi simili nel calcio.

De Ligt-Ronaldo: agente CR7 in azione

Instagram – @deligt_juventus

Forse il caso più famoso di questo particolare atteggiamento. Nel giugno del 2019, in occasione della finale di Nations League tra Olanda e Portogallo, Cristiano Ronaldo si fermò a parlare con De Ligt dopo la fine della gara, vinta dai lusitani per 1-0. Ronaldo disse a De Ligt di seguirlo alla Juventus e poco più di un mese dopo, il difensore olandese era al J Medical per le visite di rito. Una storia a lieto fine dunque per i colori bianconeri, con Ronaldo come aiutante del destino di De Ligt.

Messi-Lautaro Martinez: niente Barcellona, il Toro resta all’Inter

Un corteggiamento non andato a buon fine quello di Messi a Lautaro Martinez. Il numero 10 del Barcellona ha tentato di tutto per far sì che l’attaccante dell’Inter classe 1997 lo seguisse in blaugrana: ad un certo punto sembrava davvero imminente il passaggio di Lautaro al Barcellona. Queste le parole di Messi a Mundo Deportivo lo scorso 20 febbraio: «Lautaro è spettacolare, impressionante, diventerà un gran giocatore e lo sta dimostrando. È bravo nell’uno contro uno, segna molto, si muove bene in area. Ha qualità. È completo. Ha molto in comune con Suarez. Tutti i buoni giocatori si adattano a giocare tra di loro. Luis potrebbe aiutarlo ad adattarsi. Vederli assieme? Vorrei che potessero venire tutti e provare a vincere tutto».

Joao Felix-Cristiano Ronaldo: un idolo ed un sogno nel cassettoronaldo-joao-felix

Joao Felix ha sempre parlato con profonda ammirazione di Cristiano Ronaldo. Il fenomeno classe 1999 in forza all’Atletico Madrid è compagno in nazionale di CR7 ma il suo sogno nel cassetto sarebbe giocare in un club con il miglior marcatore della storia della nazionale portoghese. Ecco le sue parole in occasione della premiazione del Golden Boy 2019: «È sempre molto carino con me. Mi fa un sacco di complimenti e mi sta molto vicino. È sempre stato un mio idolo, ora in Nazionale dividere lo spogliatoio con lui è fantastico. Mi piacerebbe giocare con lui anche in una squadra di club».

Amarcord: quando Nedved chiamò Stankovic alla Juve

Un episodio di tampering è legato anche all’attuale vicepresidente della Juventus, Pavel Nedved. Nell’estate del 2008, nell’allora consueto raduno estivo di Pinzolo, si vociferava di un passaggio di Dejan Stankovic alla Juventus dall’odiata Inter. Gli ultras espressero il loro dissapore per la possibile operazione di mercato ma Pavel Nedved dichiarò alla Gazzetta dello Sport: «Conosco Stankovic, è forte, molto forte e mi piacerebbe giocare con lui». Non se ne fece niente del passaggio di Stankovic in bianconero, anzi un anno più tardi Nedved ha rischiato di vestire il nerazzurro. Rischio sventato dallo stesso Pavel che dichiarò che avrebbe seguiro Mourinho ovunque (che lo chiamò per convincerlo) ma non all’Inter.

De Bruyne sogna le giocare con CR7: la dichiarazione

Il caso più recente è forse quello di Kevin De Bruyne. Il fortissimo centrocampista del Manchester City ha elogiato più volte il numero 7 della Juventus, apprezzandone le qualità atletiche e tecniche. In un’intervista dello scorso aprile, De Bruyne dichiarò: «Vorrei giocare con qualcuno come Cristiano. Voglio qualcuno veloce che può andare in profondità, mi aiuterebbe molto. Per quello che faccio, gli attaccanti sono d’importanza principale. Potrei fare cross a tre metri d’altezza e lui ci arriverebbe comunque, farebbe volare il mio numero di assist». 

LEGGI ANCHE: Mbappé scrive a Cristiano Ronaldo: le sue parole fan sognare i tifosi – FOTO

 

 

Condividi