Napoli campione d’inverno: ma contro di loro il Var non esiste

© foto www.imagephotoagency.it

I partenopei espugnano lo Scida di Crotone, ma il tecnico calabrese Walter Zenga recrimina per un rigore non concessogli nella ripresa

Nell’anticipo serale dell’ultimo turno d’andata di Serie A, basta la terza rete consecutiva in campionato di Marek Hamsik al Napoli per espugnare lo stadio “Ezio Scida” di Crotone: grazie a questi tre punti, la squadra di Sarri si porta momentaneamente a quattro lunghezze di vantaggio sulla Juventus e si laurea così campione d’inverno, ma lo fa non senza polemiche.

L’EPISODIO – Intorno al quarto d’ora della ripresa, infatti, l’attaccante napoletano Dries Mertens allontana la sfera all’interno dell’area di rigore colpendola nettamente con il braccio, rendendosi protagonista oltretutto di un intervento talmente goffo che l’irregolarità sarebbe stata visibile anche ad occhio nudo: le proteste dei padroni di casa sono vibranti, ma il silent check richiesto dal direttore di gara Mariani con gli assistenti al Var non porta alla decisione che sarebbe stata giusta da prendere, ovvero assegnare un palese calcio di rigore nei confronti del Crotone. Non è la prima volta che il Napoli viene agevolato dalle (non) decisioni del Var e non è un caso se la formazione partenopea è quella contro cui sono stati concessi meno rigori in Serie A (soltanto uno, così come contro l’Inter).