Dal Mondiale alla Champions: Juventus Women con l’esperienza azzurra

girelli-galli
© foto www.imagephotoagency.it

Le bianconere della Juventus Women che hanno giocato il Mondiale si troveranno di fronte il Barcellona in Champions: gli insegnamenti ricevuti

Dalla Francia ad Alessandria, a distanza di qualche mese, con un bagaglio più ricco di esperienza e consapevolezza. Erano 8 le bianconere che, tra giugno e luglio, hanno giocato il Mondiale di Francia. Saranno 7 quelle che saranno al Moccagatta di Alessandria per sfidare il Barcellona in Champions: non ci sarà Bonansea a causa di un infortunio al piede. Tutte le giocatrici della Juventus Women che hanno giocato lo straordinario Mondiale dell’Italia, mercoledì sera metteranno in campo qualcosa in più rispetto allo scorso anno.

Il palcoscenico del Mondiale ha dato entusiasmo e ancora più passione alle ragazze, ma non solo. La competizione ha innalzato l’esperienza in campo internazionale, permettendo alle azzurre di trovarsi di fronte a Nazionali affermate, professionistiche e con mezzi differenti rispetto a quelli che si hanno in Italia. Questo ha fatto sì che le giocatrici maturassero ancor più esperienza, traendo insegnamenti che le bianconere che si troveranno di fronte il Barcellona metteranno senz’altro in campo.

Cos’ha lasciato, allora, il Mondiale di Francia a Giuliani, Gama, Boattin, Rosucci, Galli, Cernoia, Girelli e Bonansea? La consapevolezza che l’entusiasmo può dare tanto, che a volte ti spinge oltre e ti dà quel qualcosa in più, ma non solo. Ha insegnato anche l’importanza di una buona tattica, la pazienza di aspettare il momento giusto, il pragmatismo sfruttare al massimo ogni occasione e la necessaria attenzione sulle palle inattive. La vetrina Mondiale, inoltre, ha fatto un regalo importantissimo alle ragazze: una mentalità più improntata verso l’idea di calcio internazionale, che adesso potrà tornare utilissima in Champions League.