De Ligt, l’ex Ajax: «Se Sarri lo tenesse fuori scoppierebbe una rivolta»

© foto www.imagephotoagency.it

Michel Santoni, ex analista video dell’Ajax, ha parlato di Matthijs de Ligt e della sua titolarità in ottica rientro di Giorgio Chiellini

Michel Santoni, vice allenatore dell’Ado Den Haag nonché ex analista video dell’Ajax, è intervenuto ad As per parlare Matthijs de Ligt e della sua titolarità tra il suo miglioramento e il rientro di Giorgio Chiellini.

PARABOLA ALLA JUVENTUS – «Ora è titolare, ma la sua avventura è iniziata in maniera strana. L’opinione pubblica è stata condizionata da qualche fallo di mano, soprattutto in Olanda. Ma a volte dimentichiamo che si tratta di un ragazzo di appena vent’anni. Non si poteva sperare che fosse decisivo sin dal primo momento, ma in capo a sei mesi si è imposto, quindi chapeau. Sta togliendo il posto a giocatori come Bonucci o Chiellini. In una ipotetica finale di Champions League, Sarri dovrebbe mettere in campo De Ligt e far sì che siano gli altri due a contendersi il posto accanto a lui. Se lo tenesse fuori, l’Italia intera gli si rivolterebbe contro. Sui giornali italiani ora non si leggono che elogi per lui. Dopo la ripresa, De Ligt è tornato molto più forte. Ma sapevamo già che era un calciatore di talento, aveva solo bisogno di un po’ di allenamento».

Condividi